29 novembre/ Fff a Palazzo Cernezzi e due cortei per il clima

Ancora in piazza gli e le ambientalisti/e per contrastare l’insensibilità delle destre al governo al Comune di Como con la Giunta Landriscina che non solo nega persino l’esistenza dell’emergenza climatica che l’intero pianeta avverte, ma nulla fa per assicurare ai cittadini condizioni di vita adeguate in uno dei luoghi, per l’inquinamento dell’aria e da micro plastiche, più insalubri del pianeta. Mentre le luci sguaiate della Città dei balocchi si riaccendono oscurando la cultura delle piazze di Como, ridotta a pacchiano supermercato del commercio compulsivo, il movimento per il futuro è di nuovo in piazza contro consumismo e attacco alla vita sulla Terra che richiede sobrietà e drastica riduzione di consumi e di ingiustizia sociale. Il quarto sciopero globale vede a Como la significativa simbiosi tra temi fondanti dell’iniziativa di Fff con quelli dei movimenti degli studenti di sinistra da decenni impegnati per ottenere qualità dell’ambiente scuola.

Nella prima parte della mobilitazione a Palazzo Cernezzi, nella precedente occasione pateticamente inutilmente serrato per evitare la protesta dei cittadini e delle cittadine, sono previsti interventi su diversi temi: dichiarazione di emergenza climatica e ambientale (Deca); evoluzione dei rapporti con l’amministrazione comunale; critica all’istituzione scolastica e diritto allo studio; messa in sicurezza e conversione ecologica delle infrastrutture scolastiche.

Nella seconda parte il corteo raggiungerà la stazione di San Giovanni, presso la quale saranno sviluppati altri temi, come potenziamento della ferrovia Como-Lecco; trasporto pubblico; mobilità sostenibile; realizzazione della ciclopedonale cittadina integrata al percorso Euro Velo 5.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: