L’Arci parte del banco, mai col branco delle destre violente e eversive

L’Arci con le Sardine a Como domenica 8 dicembre alle 18,30 in piazza della Pace (così la intitolammo durante le mobilitazioni contro la Guerra del Golfo) nota ancora come Piazza Vittoria.

La differenza sta tutta in una lettera “r” che distingue la parola banco da quella branco. L’Arci, da sempre dalla parte delle moltitudini di persone impegnate per i diritti, per la cultura, per la Pace, per la Costituzione più bella del mondo da difendere da chiunque osi violarla, mai concorde con la violenza del branco, è parte del banco delle Sardine. Per l’Arci essere nei movimenti è naturale. Mettiamo a disposizione del movimento, in tutt’Italia, anche a Como, il nostro patrimonio culturale, politico e organizzativo.

La nostra associazione lotta anche a Como dalla parte dei cittadini e delle cittadine colpiti dall’azione delle destre eversive ed è attiva in tutte le reti e i movimenti per contrastarle.

Nei movimenti l’Arci sostiene modalità d’azione fondate su tre cardini: la trasparenza delle sedi decisionali; l’assemblearismo come luogo di condivisione e di elaborazione delle scelte e delle pratiche politiche; l’attivismo per passione, mai per interesse personale.

Noi siamo per i Diritti, la giustizia ambientale e sociale, la nonviolenza e partecipiamo alla manifestazione di domenica 8 anche nell’ambito del nostro impegno per l’European civic pride per il quale siamo il 10 dicembre all’Istituto statale Terragni di Olgiate Comasco con conferenze per la Giornata dei Diritti umani e, nello stesso giorno, alle 21,30 allo Spazio Gloria del nostro Circolo Arci Xanadù, all’iniziativa sui Beni comuni. [Gianpaolo Rosso, presidente dell’Arci provinciale di Como]

Documento dell’Arci nazionale sulla mobilitazione delle Sardine

Questa storia delle sardine è una bella storia. In queste settimane, da quando i quattro giovani bolognesi si sono dati appuntamento sotto l’insegna 6000 sardine, l’onda della mobilitazione ha inviato un segnale importante. Potremmo aggiungere, l’ennesimo, alla luce di altre mobilitazioni che hanno avuto luogo in questi mesi, magari tematiche ma sempre con una grande volontà di agire il cambiamento. Spontaneità, autorganizzazione, tanti i giovani e le ragazze presenti che, anche con sensibilità differenti, si sono uniti con una volontà precisa: basta con il linguaggio d’odio, con la spregiudicata strategia della costruzione del nemico per fini di consenso elettorale e basta con la politica della mistificazione.

Rivolgersi ai cosiddetti populisti dichiarando che la festa è finita e pretendendo che politica riacquisisca il suo ruolo non è poca cosa.

È la prima volta, dopo molto tempo, che mobilitazioni di massa di questo tipo si pongono non tanto come rifiuto di qualcosa ma come desiderio di partecipazione e ricerca di rappresentanza politica.

Un patrimonio che non va disperso. Sta rappresentando, in tutte le città dove si è manifestato, un vero e proprio movimento di opposizione alle politiche razziste e xenofobe, per il timore (concreto?) che possano ritornare egemoni e al governo.

Non vogliamo unirci agli esegeti o, peggio, a tutti coloro che vorrebbero ‘insegnare’ alle sardine come fare. O, peggio ancora, unirci a coloro che criticano il movimento delle sardine come privo di contenuti o di progetto politico. O addirittura a coloro che nella visione paranoica ci vedono sempre qualcun altro dietro. La nostra associazione è stata e sarà in quelle piazze, le abbiamo animate e non possiamo essere che contenti.

C’è un punto importante, però, che parla alla sinistra: la richiesta di politica, di unità, di identità valoriale (il manifesto delle sardine si rifà a valori importanti, positivi, non è vero che è solo ‘contro’) che vorrebbe trovare uno sbocco, anche istituzionale.

Non basta stupirsi, o rallegrarsi, occorre ascoltare e saper diventare interlocutori politici delle richieste e dei sentimenti che emergono.

Significa anche fare autocritica, anche e soprattutto dare rappresentanza a questa volontà di cambiamento. Significa lavorare con umiltà, recuperare credibilità e fiducia, agire con coraggio. Leggere in un appello «Torneremo a dare coraggio ai buoni politici dicendo loro grazie» restituisce speranza e il dovere di impegnarsi in questa direzione. [Francesca Chiavacci, presidente Arci nazionale]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: