L’Arci felice/ C’è scritto

Grande la soddisfazione dell’Arci provinciale di Como: «Constatiamo che dopo l’atletica e multicolore performance che ha riportato nella civiltà il masso sopra la Spina verde, tutta la città si è unita per offrire alla Marcia della Pace del 19 gennaio un’immagine corrispondente al suo ruolo di Città messaggera di Pace, sede del Monumento alla Resistenza europea.

Siamo stupiti e ammirati di come l’unione tra attivismo sociale e amministrazioni, potere e creatività, libera iniziativa privata e popolare, possa determinare l’inverosimile risultato documentato dalle foto (Peace drink). E se ciò è potuto avvenire, il prossimo passo sarà realizzare i programmi di accoglienza presentati alla Giunta Landriscina dalle associazioni Profughi dall’Antartide e Penisola che non c’è che l’Arci condivide pienamente ed è disponibile a finanziare interamente.

Intanto godiamo la bellezza di messaggi per una volta sensati, positivi, umani, veri». [Gianpaolo Rosso, presidente Arci Como]

Le affissioni sono stare realizzate, nel pomeriggio del 18 gennaio 2020, grazie ai droni messi a disposizione dal governo di Atlantide in esilio. L’Arci si scusa con i cittadini e le cittadine per le inevitabili conseguenze per il traffico causate dai lavori di allestimento che hanno determinato lunghe file nel tratto di via De André verso Largo della Pace e danneggiato anche alcune scie chimiche.

1 thought on “L’Arci felice/ C’è scritto

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: