Covid-19/ Magatti, Civitas, per le persone censura gli irresponsabili

Ricordate quando ci fu Chernobyl e c’era un quotidiano che diceva di stare sereni? Allora un insegnante, un fisico, insieme a tante e tanti si riuniva a Centofiori e insieme a tutto l’ambientalismo comasco ammoniva sul pericolo in corso. Ne parlammo su Verdeco che poi diede origine a ecoinformazioni. Bene, Magatti aveva, avevamo ragione, e stiamo ancora aspettando dal quel giornale le doverose smentite. Ma la storia si ripete e c’è qualcuno che ancora non ha capito la responsabilità che la politica e la stampa hanno nelle emergenze. Oggi Bruno Magatti, consigliere comunale di Civitas, denuncia la negatività di un post fb «pericoloso e assolutamente incauto al pari di certi editoriali dei direttori locali oltretutto in tempi di emergenza già conclamata», che gira ancora [si spera che l’interessato lo rimuova, non lo linkiamo per non diffonderlo e per non incorre nelle sanzioni che la legge dispone per chi pubblica messaggi che mettono in pericolo la popolazione] con un video di Alessandro Rapinese che con grande sicumera minimizza il pericolo dell’epidemia (per lui forse un po’ più grave dell’influenza) e condivide l’invito del direttore del quotidiano La provincia che evidentemente allora sottovalutava l’emergenza sanitaria già conclamata nel nostro territorio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: