Fiocchi neri/ Basta stragi/ Via Fontana, via Gallera

Per iniziativa di Medicina Democratica, Arci Milano, Milano 2030, Medicina Democratica, Casa Comune ( e con l’adesione di centinaia di altri soggetti) si anima la prima azione di piazza che concretizza l’opposizione popolare contro la politica fascioleghista assassina che ha determinato la crisi sanitaria in Lombardia e intende gestirla ancora mettendo ulteriormente in pericolo la salute di tutte e di tutti. Dopo la petizione per il commissariamento della sanità lombarda a cui il governo nazionale non ha ancora dato risposta è ora il momento di scendere in piazza e di farlo dimostrando che le indispensabili cautele sanitarie che impongono distanza fisica e mascherine possono non essere d’intralcio alla politica attiva.

La manifestazione (dal 19 al 31 maggio) , come già sperimentato in periodo non covid, punta a ottenere che centinaia di migliaia di persone si rendano protagoniste in cammino della lotta per la sopravvivenza e per la buona politica. Non solo un flash mob, ma un segno tangibile per mesi sulle vitali mascherine che chiarisca che non siamo più disponibili a tollerare che chi ha determinato i problemi li gestisca e ne tragga ancora vantaggi economici e potere. Vogliamo vivere, vivere liberi senza deportazioni al lavoro e intruppamenti in affrettate e pericolosissime “ripartenze” sulla strada della cattiva politica che ha già dimostrato di essere mortifera. Vai all’evento facebook.

«Scriviamo in risposta alle migliaia di persone che, in questo periodo, ci hanno chiesto di “fare qualcosa”.
La voglia che accomuna tantissime e tantissimi di noi è tornare finalmente a fare una grande manifestazione di piazza. A oggi pensiamo manchino le condizioni di sicurezza necessarie.
Ma proprio ora abbiamo comunque deciso di portare per le strade della Lombardia la nostra indignazione per le scellerate politiche sanitarie della Regione.
Qualcosa che dia il segno tangibile che noi non faremo cadere nell’oblio l’infinita quantità di errori e omissioni della maggioranza che ci governa qui in Lombardia ma, anzi, continuiamo a chiedere il commissariamento della sanità della Regione nel più breve tempo possibile.

Un nastro nero da indossare o, in alternativa, un segno con il pennarello che lo riproduca sulle mascherine.
Una mobilitazione che cammini con le gambe di tutti noi e che vedrà realizzare sabato 23 maggio dalle ore 15 un flash mob: un’occasione in cui realizzare una foto davanti al portone di casa con un cartello che, insieme al fiocchetto nero, riproduca il nostro pensiero sulla gestione dell’emergenza Covid-19 da parte di Attilio Fontana.
(la fantasia è ben accetta)

La nostra voce da oggi saranno i fiocchetti neri.
Per ricordarci chi non c’è più, per non dimenticare chi nonostante tutto ci governa ancora in Lombardia». [Medicina Democratica, Arci Milano, Milano 2030, Medicina Democratica, Casa Comune, con l’adesione di centinaia di altri soggetti]

Vai all’evento facebook.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: