Fp Cgil-Cisl Fp-Uil Fpl/ Esternalizzare l’educazione? No Grazie

In un comunicato unitario, Cgil, Cisl e Uil contestano la discutibile decisione dell’amministrazione di Lomazzo di non assumere un educatore per il nido comunale (a concorso già effettuato), preferendo cedere a terzi (privati) la gestione.

«La Fp Cgil, la Cisl Fp, la Uil Fpl e la rsu del nido comunale di Lomazzo contestano la decisione dell’attuale amministrazione comunale di non procedere con l’assunzione di un educatore per il servizio nido comunale, nonostante il concorso effettuato nella primavera del 2019.

L’attuale amministrazione ha invece scelto di esternalizzare totalmente il servizio, non sostituendo il personale che si avvicina al pensionamento, nonostante la richiesta delle organizzazioni sindacali e del personale del nido. Ancora più grave, poi, è aver attuato tale decisione in presenza di un bando pubblico indetto dallo stesso Comune che ha visto impegnati uffici e relativi dipendenti con evidente dispendio di risorse economiche e materiali e il dissolversi delle aspettative di assunzione delle vincitrici di concorso.

Il servizio, stando a tale decisione, sarà quindi totalmente appaltato a terzi, con conseguente applicazione di contratti di lavoro peggiorativi -basti pensare che la retribuzione media di un educatore potrebbe ridursi di 300 euro lordi mensili, con due ore di lavoro in più a settimana-, una maggiore discontinuità, considerata la più alta mobilità dei dipendenti nel settore privato, e la perdita di gestione diretta da parte dell’ente pubblico e quindi delle cittadine e dei cittadini.
Appare evidente che quella dell’amministrazione comunale di Lomazzo è una scelta di risparmio, senza particolare attenzione alla qualità del servizio in termini di gestione, di condizioni di lavoro del personale e prospettive future.

Il pubblico può garantire un servizio educativo di qualità in quanto la sua azione è tesa al benessere collettivo e non a logiche di profitto; per questo motivo, chiediamo all’amministrazione di procedere con l’assunzione di personale educativo e di ripensare il servizio asili nido nella prospettiva di una gestione interamente pubblica, come già prospettato in precedenza».
[Stefania Macrì, Fp Cgil; Nunzio Praticò, Cisl Fp; Vincenzo Falanga, Uil Fp]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: