ecoinformazioni on air/ Questa volta vince il No

Il servizio di Gianpaolo Rosso nelle’dizione delle 7,15 del 25 settembre di Metroregione di Radio Popolare. Il voto per l’ennesimo referendum contro l’immigrazione in Svizzera era previsto a maggio. E’ stata la pandemia a decretarne il rinvio al 27 settembre insieme anche alla proposta di acquistare nuovi caccia per l’aviazione elvetica.

Il quesito chiede di abrogare uno dei 7 accordi bilaterali con l’Unione europea, quello che sancisce la libera circolazione delle persone. L’intento dell’Udc, primo partito ma con declino elettorale che ricorda quello della Lega in Italia, è limitare l’immigrazione dall’Italia e dagli altri paesi europei con conseguenze devastanti anche per l’economia svizzera a causa del fatto che rigettando una parte degli accordi con l’Europa decadrebbero anche gli altri. Per questo motivo la campagna elettorale sembra interessare poco gli elettori e i sondaggi danno per certa la bocciatura ipotizzando una valanga di No. Solo in Ticino, tradizionalmente più sensibile al richiamo xenofobo, i sondaggi accreditano al Si la possibilità di farcela. Sembra invece possibile che il Si alla proposta di nuovi aerei da combattimento sia maggioranza. [Gianpaolo Rosso ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: