ecoinformazioni on air/ Cure frontaliere

Il servizio di Gianpaolo Rosso nell’edizione delle 7,15 del 12 novembre di Metroregione di Radio popolare. Mentre Norman Gobbi, presidente del Consiglio di stato del Ticino, si fa scappare in televisione che a lui degli italiani non interessa, tanti medici e infermieri vanno dalla Lombardia in Ticino dove il loro lavoro è essenziale per il sistema sanitario elvetico.

La fuga dall’Italia del personale più qualificato è massiccia, negli ospedali del Ticino fino al 40 per cento del personale sanitario è italiano.

A spingere al frontalierato sono maggiori possibilità di assunzione e stipendi molto più alti.

La fuga dei professionisti ha oggi un impatto drammatico sul territorio della Lombardia dove, per affrontare la pandemia, sarebbero necessari molti più medici, infermieri, personale ausiliario, in fuga dall’Italia per le mancate assunzioni, retribuzioni basse – ancora peggiori nella sanità privata – e condizioni di precariato inaccettabili. Negli ultimi mesi ad aggravare la situazione si segnala un incremento del 2,3 per cento di italiani nella sanità Ticinese, un’emorragia ulteriore proprio ora che la loro presenza sarebbe vitale nel cratere lombardo della pandemia. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]

1 thought on “ecoinformazioni on air/ Cure frontaliere

  1. Ho sentito il suo pensiero a Radio Popolare non mi è piaciuto ne il tono, ne questo articolo, mi permetto di osservare (non sono frontaliere) ma quel territorio di cui lei scrive oltre ad essere una nazione, ha una lingua quella italiana una lingua madre che dovrebbe unire, più che dividere, da giornalista e insegnante, cosa spiega agli alunni che in uno stato vicino si guadagna molto di più ? con la stessa qualifica ? perché è uno stato ricco ? SPERO, o forse che le opportunità sono migliori, i sacrifici molti, per curare comunque persone che, nate, hanno succhiato lo stesso latte che ha succhiato lei “italiano” italiano con molti pregiudizi su persone dello stesso sangue, Spero che lo stesso pregiudizio non lo abbia per i moltissimi giovani medici e infermieri qualificati che lavorano ricercatori in America come in ogni altro stato del mondo . Si discute su opportunità o meno di curare o non curare gli svizzeri italiani ? perché prima vengono i nostri ? ma mi faccia il piacere.

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: