Politica

Non andiamo in vacanza in Egitto

Si fa politica anche al supermercato e si fa anche scegliendo dove viaggiare escludendo i paesi nei quali i diritti umani vengono calpestati, gli oppositori messi in carcere senza processo, torturati e uccisi. Le violenze e i morti sono dovuti anche all’indifferenza e alla subordinazione della politica dei governi all’economia. L’Arci, Federconsumatori e Fitel Lombardiadenunciano che il «Governo italiano sostiene che, per dare sostegno a Patrick Zaky, “non può” assumere iniziative che rischino di pregiudicare altri interessi dell’Italia in Egitto, a prescindere che si violino i diritti umani». E invitano alla mobilitazione civile «tutte le persone che sentono forte il malessere verso le continue ingiustizie che in quel Paese si manifesta ormai da molto tempo e che non dimenticano quanto accaduto a Giulio Regeni».

(altro…)

Supporto attivo/ La solidarietà non si sfratta

«Supporto Attivo Como è una rete di solidarietà e mutuo aiuto nata per fare fronte ai bisogni sociali emersi o aggravatisi con l’attuale pandemia. Nel marzo dell’anno scorso, con il primo lockdown nazionale, alcuni dei nostri volontari si sono adoperati spontaneamente per consegnare la spesa in tutto il territorio di Como Nord alle persone più a rischio (anziani e/o fragili). In questo modo, si è consentito alle persone a rischio di rimanere in casa e ridurre la propria esposizione al contagio, contribuendo anche a limitare diffusione e impatto della pandemia stessa.

(altro…)

‘ndrangheta a Cantù

Il 16 giugno al teatro San Teodoro si è tenuto un incontro per discutere della presenza della ‘ndrangheta in Lombardia e a Cantù in particolare. L’incontro, promosso dalla lista civica Unire Cantù, è stato moderato dalla redazione di FuoriFuoco e ha visto gli interventi di Mario Portanova (Il Fatto Quotidiano), Paolo Moretti (La Provincia) e Veronica Borghi (laureata in Comunicazione e Società).

(altro…)

Ripudia la guerra

[Foto Luigi Nessi, ecoinformazioni]

L’intervento di Celeste Grossi alla Festa per la Repubblica il 2 giugno al Monumento alla Resistenza Europea a Como. «L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo».

(altro…)

Video/ Festa festosa

[Foto Luigi Nessi, ecoinformazioni]

Proprio una festa voleva essere e proprio una festa è stata. Gli organizzatori (associazioni, partiti, sindacati) coordinati dall’Anpi hanno voluto dare con la celebrazione del 2 giugno al Monumento alla Resistenza Europea a Como dalle 10,30 un’occasione politicamente feconda di incontro, di intreccio di sguardi (reali, non solo web), di saluti e abbracci (a distanza), di piacere di stare insieme e voglia di lottare insieme perché la Costituzione più bella del mondo sia finalmente realizzata compiutamente. Gli interventi di Guglielmo Invernizzi, presidente Anpi provinciale, sul significato complessivo della Giornata e della Costituzione nata dalla Resistenza e l’approfondimento di Celeste Grossi sull’articolo 11 del ripudio della guerra insieme alla lettura dei primi 12 articoli fatta da ragazze e ragazzi hanno dato contenuto all’iniziativa. Ma forse l’intervento più importante per cogliere la gioia di chi ama la Carta fondamentale della Repubblica è stato quello del Baule dei suoni, variopinto e senza frontiere, che ha aperto, chiuso e inframmezzato tutte le fasi dell’iniziativa. Centinaia le persone presenti alcune di passaggio altre convenute per la Festa che a tutte/i ha comunque dato uno stimolo gioioso e importante per “rinascere”. La festa continua su Arci Como web tv. Presto on line sul canale di ecoinformazioni tutti i video dell’iniziativa. [La foto di copertina è di Massimo Borri per ecoinformazioni]

(altro…)

Como: un sabato in piazza

Un sabato pomeriggio di mobilitazione a Como presso Porta Torre. Diversi gruppi hanno animato lo spazio appena dentro la città murata: l’associazione Italia-Cuba manifestava contro il “bloqueo”, ovvero contro l’embargo nei confronti di Cuba, che – nonostante i cambi di presidenza a Washington – ancora non viene rimosso; pochi metri più in là, La Comune intendeva informare sulla drammatica situazione nei CPR, messa in evidenza dal recente “suicidio” di un giovane guineano, Musa Balde; presente anche Rifondazione Comunista per il lancio seconda fase della campagna nazionale “Prima il lavoro, il pubblico, le persone”; ancora più in là un banchetto del Circolo operaio di Lotta comunista.

(altro…)

Giornata contro l’omolesbobitransfobia

«Oggi, 15 maggio, è la giornata contro l’omolesbobitransfobia e per un giorno tuttƏ ne parleranno. Ma qual è la situazione in Italia su questo tema? Mentre le discriminazioni legate all’orientamento sessuale sono in crescita e con esse anche le aggressioni fisiche in alcuni casi estremamente gravi, in Parlamento si ostacola la discussione di una proposta di legge, tutt’altro che risolutiva, come il Ddl Zan, che, tra le altre cose, sta subendo un ulteriore depotenziamento a colpi di modifiche ed emendamenti.

(altro…)

Animare la vecchiaia/ Ripensando ai servizi

Occorre evitare che l’anziano diventi un mondo separato e chiuso in sé stesso, un mondo favorito da sentimenti di isolamento, solitudine e abbandono, specie per le persone non autosufficienti. È essenziale capire che siamo tutti insufficienti, ovvero tutti dipendenti l’uno dall’altro. Certe fragilità, certe solitudini, sono condizioni che prima o dopo ci toccano tutti, e se questa condizione viene vissuta al meglio, può trovare tante positività.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: