Pace

ecoinformazioni on air/ L’isola invece della guerra

Il servizio di Gianpaolo Rosso, nell’edizione delle 7,15 del 19 settembre di Metroregione di Radio Popolare. Non solo l’Isola Comacina. A Como c’è un’altra Isola, quella delle relazioni e delle economie solidali che ha animato il 17 e 18 settembre la Fiera al Parco di Villa Guardia per una proposta complessiva Invece della guerra. Come era stato a L’altra Cernobbio di Sbilanciamoci qualche settimana fa si sono intrecciati nei tanti dibattiti e convegni i temi del pacifismo, dell’ambientalismo, dell’altra economia e della qualità della vita. Migliaia i partecipanti di ogni età più di 100 espositori, animazioni per bambini, spettacoli per ragionare delle prospettive straordinarie che si aprono rinunciando alla guerra, alla sua violenza e alla sua follia assassina anche in tempo di pace. Simbolo di questa diciottesima edizione è un ombrello arcobaleno che protegge e contemporfaneamente colora la vita. Gran finale con il concerto organizzato per l’Isola che c’è da Uds, Como Pride, Fridays For future e We for the planet. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]

17-18 settembre/ L’isola che c’è/ Programma completo, invece della guerra

Il 17 e 18 settembre, nel parco comunale di Villa Guardia (Co) si terrà la diciottesima edizione della Fiera delle economie solidali de L’Isola che c’è. Due giorni in cui si incontrano sostenibilità, sensibilità ecologica, cultura, gastronomia, volontariato e arte, creando un laboratorio di ricerca di azioni, progetti, aspirazioni e idee, produzioni, consumi consapevoli e relazioni con un alto valore etico e solidale. Qui il programma completo. Informazioni disponibili su orari, ingressi e spostamenti.
Ecoinformazioni sarà presente con News km0: articoli, foto e video in diretta dalla fiera.

(altro…)

L’altra Cernobbio/ Contro-vertice per la sostenibilità socioambientale

Se a Villa d’Este nel fine settimana del 3 e 4 settembre si è tenuto il Forum Ambrosetti, congresso liberista sulla pianificazione dei futuri equilibri politico-finanziari italiani (e non solo), con vista sulle elezioni del 25 settembre, all’oratorio di Cernobbio si è invece svolta sabato 3 L’altra Cernobbio. A poche centinaia di metri dal vertice finanzacapitalista si è svolta infatti una giornata di conferenze per discutere e pianificare prospettive di economia alternativa e sostenibile per società, lavoro, ambiente e geopolitica organizzata da Sbilanciamoci, Arci e Cgil.

(altro…)

L’Altra Cernobbio/ L’importanza di costruire la pace

Ultimo blocco tematico dedicato alla pace per L’Altra Cernobbio, dal titolo Un’economia per la pace. Contro la guerra, per politiche di disarmo e di riconversione dell’industria militare. A moderare Fabio Cani (Portavoce Rete Como senza frontiere). Interventi di Sergio Bassoli (Rete Pace e disarmo) e di Alex Zanotelli (missionario comboniano)

(altro…)

Al via L’Altra Cernobbio

È iniziata L’Altra Cernobbio, la risposta al Forum Ambrosetti e alla politica e finanza neoliberista che in questi giorni si incontrerà a Villa D’Este. I saluti e i ringraziamenti di Danilo Lillia di Arci Terra e Libertà, Sara Sostini di Arci ecoinformazioni e Giulio Marcon di Sbilanciamoci.

(altro…)

ecoinformazioni mensile/ settembre 2022/ Invece della guerra

Anticipiamo dal mensile di settembre l’editoriale Invece della guerra di Sara Sostini. La rivista cartacea sarà in distribuzione in tre importanti momenti di sintesi culturale, politica e sociale: da venerdì 2 a domenica 4 settembre durante La notte dei graffiti all’ex Tintostamperia Valmulini (via dei Mulini 3, Como), sabato 3 settembre tra i materiali introduttivi a L’altra Cernobbio, incontro di reti per un’economia per le persone e il pianeta (al Cineteatro dell’oratorio di Cernobbio(CO), in via Cinque giornate 8) e sabato 17 e domenica 18 settembre alla Fiera dell’economia solidale de L’isola che c’è (nel parco comunale di Villa Guardia, Como), il cui programma verrà pubblicato prossimamente.

(altro…)

Gorbaciov statista di Pace


«Si è spento a 91 anni, dopo una lunga malattia, l’ex presidente dell’Unione sovietica
Mikhail Gorbaciov. Il “Doomsday clock” ( https://thebulletin.org/doomsday-clock/ ) consiste in un grafico calcolato da un centinaio di scienziati (tra cui 11 premi Nobel) in cui il pericolo della fine dell’umanità viene quantificato tramite la metafora di un orologio simbolico la cui mezzanotte simboleggia la fine del mondo, mentre i minuti precedenti rappresentano la distanza ipotetica da tale evento. Originariamente, la mezzanotte rappresentava unicamente la guerra atomica, mentre dal 2007 si considera qualsiasi evento che può infliggere danni irrevocabili all’umanità (come, ad esempio, i cambiamenti climatici)
.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: