Pace

In lotta per la libertà da violenze, guerre, povertà

Non basta una giornata sola in un anno, la lotta per l’eliminazione della violenza di genere è quotidiana. Ma fino a quando i diritti non saranno per tutte, in tutto il mondo, fino a quando il corpo delle donne continuerà a essere usato come luogo di potere maschile e campo di battaglia ovunque noi donne cerchiamo di manifestare il desiderio di libertà-liberazione: nelle case, nelle piazze, nelle strade, nelle guerre, avremo purtroppo ancora bisogno di date simboliche come l’8 marzo e il 25 novembre.

(altro…)

CcP/ Nuovo Statuto/ Roberto Caspani presidente

Con l’elezione il 12 novembre del presidente Roberto Caspani, del vicepresidente Niccolò Introzzi e della segretaria Giovanna Tedone si è completato l’iter formale della nuova stagione del Coordinamento comasco per la Pace. Il CcP inizia una nuova storia confermando le scelte ideali per la Pace e i Diritti umani. L’assemblea telematica, del 28 ottobre che ha eletto il nuovo Consiglio, ha evidenziato una partecipazione molto ampia di comuni e associazioni aderenti, è stata coordinata dal presidente uscente Mario Forlano, ha approvato il bilancio 2019 e adottato un nuovo Statuto che modifica fortemente le caratteristiche del sodalizio definendo meglio – in accordo alle leggi del Terzo settore – organi sociali e loro poteri e puntando sulla conferma degli ideali che hanno sempre animato il Coordinamento dando loro maggiori e più condivise possibilità di concretizzarsi e prerogative di indirizzo all’assemblea degli aderenti che si afferma come organo sovrano per le scelte culturali e politiche del sodalizio.

(altro…)

4 novembre/ La guerra si perde sempre

Il 4 novembre 1918 fu sancita la fine della prima guerra mondiale, una guerra che ha causato 16 milioni di vittime in tutto il mondo tra cui 660.000 soldati italiani. Ad esse andrebbero aggiunti i milioni di morti causati in due anni dalla pandemia “spagnola”, diffusa soprattutto tra i soldati e da questi ai civili. Morti offuscati, nonostante l’entità del fenomeno dalla devastazione della guerra.

(altro…)

Salute, non armi

La Settimana Internazionale per il Disarmo (24 – 31 ottobre) è iniziata bene. Con la ratifica dell’Honduras e, qualche giorno prima, di Giamaica e Nauru sono state raggiunte 50 adesioni al Trattato di Proibizione delle armi nucleari (TPNW). Il Trattato, votato alle Nazioni Unite a luglio 2017, entrerà in vigore il 22 gennaio 2021 rendendo illegale – per i paesi che lo hanno ratificato e per quelli che lo faranno d’ora in poi – l’uso, lo sviluppo, i test, la produzione, la fabbricazione, l’acquisizione, il possesso, l’immagazzinamento, il trasferimento, la ricezione, la minaccia di usare, lo stazionamento, l’installazione o il dispiegamento di armi nucleari. Si rafforza la posizione di mettere le armi nucleari fuori legge. Fortemente voluta dalla società civile internazionale con un’“iniziativa umanitaria”, sostenuta anche dalla Croce Rossa Internazionale.

(altro…)

Don Roberto Malgesini alla Perugia Assisi

Don Giusto Delle Valle è intervenuto il 9 ottobre alle 10 a Time for Peace – Time to Care. È tempo di fare pace. È tempo di prenderci cura, iniziativa preparatoria della Catena umana per la Pace (dedicata al prete degli ultimi comasco) che si svolge l’11 ottobre. Il ricordo di don Roberto Malgesini si è svolto nella sessione Salvare – Proteggere – Accogliere nel Palazzo dei Priori a Perugia. Presto on line l’articolo di Marta Pezzati e le foto di Luigi Nessi.

(altro…)

Mare nostrum/ Resq ci sarà

La sera del 7 settembre l’Ottagono di Fino Mornasco affacciava sul Mediterraneo. Tutti i posti disponibili occupati per la serata organizzata dal Coordinamento comasco per la Pace e dal Comune di Fino Mornasco per la presentazione del progetto che è stato illustrato da Gherardo Colombo, Luciano Scalettari (presidente del’associazione Resq) e Cecilia Strada con interventi di altri esponenti di Resq e del pubblico. [Foto Fabio Cani, ecoinformazioni]

(altro…)

ARCI COMO WebTV/ Palinsesto 3 settembre/ La Pace vince con Vignarca e Bassoli

L’Associazione Cultura della Pace e il Comune di Sansepolcro, Assessorato alla Cultura, hanno comunicato i nominativi dei vincitori del Premio Nazionale “Nonviolenza” Edizione 2020. Il Comitato Scientifico dell’Associazione Cultura della Pace, composto da Mao Valpiana, Presidente del Movimento Nonviolento, Luigina Di Liegro, Segretaria della Fondazione Internazionale “Don Luigi Di Liegro”, David Sassoli, Presidente del Parlamento Europeo e Don Achille Rossi, filosofo e teologo, insieme ai componenti dell’Associazione Cultura della Pace hanno ritenuto, visto la trentennale esperienza del premio di riconoscere per quest’anno, l’onorificenza a due realtà: Sergio Bassoli e Francesco Vignarca, responsabili di Rete della Pace e Rete Italiana per il Disarmo che si riuniranno in un’unica realtà proprio a Sansepolcro, in occasione del conferimento del premio.

(altro…)

Prc/ Mai più Hiroshima

Si è svolta anche a Como nel pomeriggio del 6 agosto al Monumento alla resistenza europea la manifestazione Mai più Hiroshima, parte della campagna del Prc per il disarmo nucleare. All’iniziativa ha partecipato anche Fabrizio Baggi, segretario regionale del Prc della Lombardia.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: