Aborto

Arci/ La Corte suprema contro le donne

La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti è un gravissimo attacco ai diritti delle donne e alla loro salute. Un atto deplorevole che costringerà molte donne a ricorrere ad aborti clandestini e a viaggi costosi negli stati dove l’interruzione di gravidanza resterà legale. Un salto indietro nel tempo che ci riguarda e ci colpisce tutte. In tante parti del mondo sono sempre più frequenti campagne oscurantiste promosse dalle destre che hanno come primo bersaglio le donne e il loro corpo; accade anche in Italia dove la legge 194/1978 è stata più volte messa in discussione. Nessun diritto conquistato va dato per scontato, per questo siamo al fianco delle donne americane e alla loro lotta per la libertà di scelta e l’autodeterminazione. [Arci nazionale]

Buongiorno piazza/ 22 maggio

abortoBuongiorno piazza, il 22 maggio 1978 è approvata in Italia la legge sull’interruzione volontaria della gravidanza (legge n. 194/78) che consente alla donna, nei casi previsti dalla legge, di poter ricorrere alla Ivg in una struttura pubblica (ospedale o poliambulatorio convenzionato con la Regione di appartenenza), nei primi 90 giorni di gestazione; tra il quarto e quinto mese è possibile ricorrere alla Ivg solo per motivi di natura terapeuticaContinua a leggere→

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: