Gerardo Monizza

1 dicembre/ Licia Badesi presenta “A Como appena ieri”

Badesi-Licia_home_box

Appuntamento venerdì 1 dicembre alle 15,30 alla Pinacoteca di Como (salone conferenze) in via Diaz 84 per la presentazione di A Como appena ieri, libro a cura di Licia Badesi. (altro…)

Romanzo popolare/ Vitali e Monizza per Auser

Davvero piacevole e stimolante, il dialogo tra lo scrittore Andrea Vitali e Gerardo Monizza, andato in scena giovedì 19 ottobre nel salone Musa dell’associazione Carducci, nell’ambito degli incontri organizzati dall’Università popolare Auser. (altro…)

4 giugno/ Arci Guernica: incontro con Gerardo Monizza a Bulgarograsso

4 giugnoIl circolo Arci Guernica, con la collaborazione del Comune di Bulgarograsso promuove sabato 4 giugno alle 18 alla biblioteca Anna Frank in piazza Risorgimento a Bulgarograsso un incontro con lo scrittore ed editore Gerardo Monizza (Nodo Libri – Como) che presenterà il libro 2 Agosto 1980. Diario Doloroso [2015, ed. Nodo Libri, 76p.]

Sabato 2 agosto 1980, alle ore 10 e 25, una bomba esplose nella sala d’aspetto della Stazione centrale delle Ferrovie dello Stato a Bologna. Ottantacinque furono le vittime, centinaia i feriti. L’atto terroristico fu l’ultimo di una serie che insanguinò l’Italia, ma non l’ultimo nel mondo. Tra le vittime di Bologna fu annientata una famiglia comasca: Carlo il padre, Anna la madre e Luca il figlio di sei anni. La città di Como immediatamente si raccolse attorno alle famiglie colpite. Il dolore di tutti fu immenso. Questo libro è il racconto di quei giorni.
Ingresso libero

10 ottobre/ Il futuro dell’educazione alimentare

premio marco rivaConvegno in memoria dello scienziato comasco Marco Riva, sabato 10 ottobre dalle 10 in Sala stemmi a Palazzo Cernezzi (Comune di Como), organizzato da Aprua e Stringhe colorate, con il Patrocinio di EXPO 2015, Provincia e Comune di Como e il sostegno di Arvidaayoga, Camst e Coop.

Programma:

Alle 10, Registrazione dei partecipanti;

Alle 10.15, Inizio del convegno, saluto delle istituzioni;

Convegno

Coordina Alberto Terzi, sociologo;

Tratti somatici del professor Riva. Un futuro dopo di noi, Alberto Capatti, storico dell’alimentazione;

Da un incontro con Marco Riva a un incontro coi bambini, Marisa Strozzi, Fondazione per l’educazione alimentare;

Nuove frontiere dell’educazione alimentare: costruire la memoria del gusto, Carla Barzanò, dietista, esperta di educazione alimentare, Resus, Berlino;

Comunicare, informare: il ruolo di Marco Riva a Di tasca nostra, Tito Cortese, già giornalista Rai e conduttore di Di tasca nostra;

Spazio per le domande e il dibattito, videointervista su Marco Riva di Gerardo Monizza;

Premio Marco Riva

– Intervento di Antonella Pasquariello, presidente di Camst, promotrice del premio;

– Intervento di Mara Lucisano, docente universitaria e coordinatrice della commissione di valutazione del premio;

– Presentazione delle tesi universitarie finaliste del premio;

– Premiazione dei tre giovani vincitori del Premio Marco Riva;

– Informazione su Fermata d’autorbus, libro di poesie di Marco Riva (Officina della narrazione);

Alle 12.15, Aperitivo offerto dalla Scuola di formazione professionale Enaip di Como.

A tutti gli intervenuti verrà dato in omaggio l’e-book Nutri-Menti le nuove frontiere dell’alimentazione ispirato a Marco Riva.

Per informazioni Internet www.premiomarcoriva.com. [md, ecoinformazioni]

2 agosto/ Bologna>Como Anniversario della strage

Quest’anno ricorre il 35esimo anniversario della Strage di Bologna.

L’Associazione Università Popolare di Como Auser e NodoLibri hanno mantenuto viva la memoria dei fatti e delle persone coinvolte, di tutte le vittime; soprattutto delle tre vittime comasche: Carlo, Annamaria e Luca Mauri.

2agosto2015

Anche quest’anno si vuole riportare l’attenzione dei comaschi sui giorni dell’agosto 1980. Per narrare ai giovani alcune storie che non conoscono e le vite di tre giovani loro concittadini, Gerardo Monizza ha scritto un libro 2 agosto 1980 Bologna Como – Diario doloroso.

Sul testo è stato costruito un evento in piazza San Fedele nella giornata di domenica 2 agosto (dalle 9 alle 21): un “coro” circolare di leggii, uno per ogni ora (tranne quello dei minuti 25, l’ora della strage: 10.25) sembra un orologio. Su tutti i leggii alcuni brani tratti dal libro. I passanti si fermano leggere anche  trasferendosi da un leggio all’altro.

Non sono previsti discorsi né parole.

È stato concesso il Patrocinio della Città di Como, Assessorato alla legalità che ha organizzato, per la giornata di sabato 1 agosto la proiezione del film: “La linea gialla”. Ore 15 in Biblioteca Comunale ingresso gratuito.

6 gennaio/ Incantati dalla Stella

incantati_dalla_stella_1391758090Nodo libri  invita alla Conversazione di Gerardo Monizza e Fabio Cani martedì 6 gennaio 2015, alle 16, nell’Hotel Borgo Antico di Como. Nel giorno dell’Epifania, l’Hotel Borgo Antico di Como (via Borgovico 47) si apre ai turisti e ai comaschi per l’incontro a ingresso libero dedicato ai Re Magi Incantati dalla Stella. Viaggio immaginario e storico dei Re Magi dall’Oriente all’Europa. La conversazione, con gli interventi di Gerardo Monizza (Re Magi. Andata e ritorno) e Fabio Cani (Re Magi. A Milano e Como?), trae spunto dalla rappresentazione dei Magi in San Fedele e dal volume Como e il viaggio dei Re Magi.

Nella basilica di San Fedele in Como sono conservati – tra altre bellezze – quattro affreschi seicenteschi raffiguranti lo Sposalizio della Vergine, la Natività, l’Adorazione dei pastori, l’Adorazione dei Magi.

Nel quarto dipinto la scena è occupata dai Magi, personaggi protagonisti, riccamente vestiti, e dal loro seguito. Maria, Giuseppe e il bambino stanno in una casa che sembrerebbe in costruzione. Dietro c’è un ragazzo che spinge il braccio sinistro verso un buco che sta nella parete di fondo. Perché quel ragazzo sta compiendo quel gesto? Chi è?

Intorno a queste domande si ricostruisce il lungo viaggio dei Re Magi, dall’Oriente a Betlemme, ma anche (forse) a Milano, Colonia e… Como, fino in San Fedele. Un’occasione per indagare antichi racconti, ma anche il processo attraverso cui questi diventano opere d’arte e, quindi, il contesto culturale in cui hanno avuto origine.

 

Info: info@borgoanticohotelcomo.it, tel 031.3380150, 345.1367616.

11 dicembre/ Gli affreschi di Sant’Abbondio a Como. Cronaca per immagini

adm_locandina_1867478055Cronaca illustrata del dramma con Gerardo Monizza, Storia della basilica e degli affreschi con Fabio Cani, giovedì 11 dicembre alle 17.30, presso l’Università dell’Insubria e la Basilica di Sant’Abbondio, in via Regina a Como, organizzano Amici dei Musei, in collaborazione Basilica di Sant’Abbondio, Università dell’Insubria e Università popolare di Como.

 

«Gli affreschi del presbiterio, nella Basilica di Sant’Abbondio, costituiscono uno dei cicli pittorici più integri del primo Trecento in Lombardia; furono realizzati da un artista anonimo – spiega la presentazione dell’incontro –. Il programma iconografico inizia nell’arco trionfale affrescato con la rappresentazione dell’Annunciazione e figure di santi, nel sottarco; la volta della prima campata (recentemente restaurata) reca tracce di un cielo stellato e di quattro troni con i Dottori della Chiesa. Nell’arco che precede il catino absidale vi è un Cristo benedicente affiancato da due Arcangeli e, racchiusi in otto tondi, figure di Patriarchi, Profeti ed altri santi. Il catino absidale presenta una raffigurazione della Deesis (Cristo benedicente tra la Madonna e Giovanni Battista) con ai lati San Pietro e San Paolo. Nell’abside, divisa in cinque parti verticali, sono affrescati venti episodi della vita di Gesù (Natività di Gesù, Predicazione, Passione). Nella fascia inferiore vi sono figure di Apostoli».

«L’insieme si connota per un linguaggio che unisce il ritmo del racconto con l’attenzione ai dettagli degli abbigliamenti offrendo uno spaccato della vita e dei costumi del tempo – spiega la nota –. Numerose immagini sulle lesene e sulle semicolonne, che separano gli episodi della vita di Gesù, rendono alquanto complessa l’interpretazione del programma decorativo. Ignoto è l’autore del ciclo di affreschi; è convenzionalmente chiamato “Maestro di Sant’Abbondio”. La critica colloca la realizzazione del ciclo tra il 1330 e il 1340 durante l’episcopato del vescovo francescano Leone Lambertenghi, committente dell’opera». [md, ecoinformazioni]

13 marzo/ Il grande Nord

grande_nordCultura e destino della Questione settentrionale presentazione del volume di Stefano Bruno Galli che dialogherà con Gerardo Monizza, presidente Editori Lariani, giovedì 13 alle 18 alla Libreria Feltrinelli di Como, in via Cesare Cantù 17. Per infomazioni
tel. 031.278109, e-mail Como@lafetrinelli.it.

Un incanto senza fine alla Fiera del Libro

Di libri e del piacere di leggere si è parlato, e tanti libri sono stati raffigurati nel corso dei secoli della storia occidentale. Aforismi e immagini su questo tema sono stati raccolti da Federico Roncoroni, che ha curato il libro Un incanto senza fine in occasione del cinquantesimo della libreria Mentana di Como. (altro…)

Arte in movimento. Dialoghi sull’arte contemporanea.

L’Accademia di Belle Arti Aldo Galli di Como e Nodo libri invitano a Arte in movimento. Dialoghi sull’arte contemporanea. Il ciclo di incontri curati da Rosa De Rosa e Gerardo Monizza si svolgerà all’Accademia di Belle Arti Aldo Galli  in via Petrarca 9 a Como. Il programma degli incontri. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: