«Il referendum sull’acqua non tocca la legge lombarda», così l’assessore lombardo Raimondi

«L’opposizione persevera nella campagna di disinformazione sulla legge di riforma del servizio idrico approvata dal Consiglio regionale il 22 dicembre – afferma Marcello Raimondi, l’assessore regionale lombardo all’ambiente – L’eventuale referendum e il suo esito non incideranno in alcun modo sulla nostra legge, un provvedimento importante, condiviso dalle rappresentanze degli Enti locali e che primo in Italia ha dato certezze e prospettive alla gestione di un servizio così essenziale come quello idrico». «I referendum infatti – termina l’assessore – vogliono colpire il cosiddetto decreto Ronchi, una legge dello Stato su cui nulla dice la legge della Regione Lombardia. La legge regionale permetterà agli Enti locali e ai gestori del servizio idrico di mantenere la piena operatività ed efficienza qualunque siano gli esiti dei referendum»

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: