Arci ecoinformazioni ecoinformazionicomo@gmail.com, via Lissi 6 Como, tel. 351, 5968899, 3473674825

Musica vegetale al Sociale: un minestrone riuscito

Il palco del Sociale di Como, la sera del 17 aprile, dopo il passaggio del gruppo viennese “The Vegetable Orchestra” assomiglia a un mercato alla fine della giornata di vendita: pezzi di ortaggi un po’ dappertutto; eppure quello che si è svolto è stato un concerto in piena regola.

L’orchestra vegetale non è una sorpresa per il pubblico: ai tempi del web quasi tutto è già sentito, già visto, già noto, se è riuscito a ritagliarsi un po’ di spazio virtuale. La curiosità è, spesso, quella di verificare se è “davvero” come si è visto sul piccolo (o piccolissimo) schermo.

L’idea di base (geniale, nella sua semplicità) è nota: suonare, invece che strumenti propriamente detti, ortaggi e altra varia verduralità, “tirare fuori” letteralmente dei suoni da quegli oggetti cui in genere dedichiamo attenzione solo per uno dei cinque sensi, il gusto, semmai un po’ per l’olfatto e la vista, non certo per l’udito.

Bene: l’idea funziona. Anche dal vivo, s’intende. Con carote, cetrioli, crauti, melanzane (che vanno per la maggiore), rape e altro si può fare musica. Ovviamente, rispetto alle prove facilmente reperibili sul web, l’esibizione dal vivo privilegia gli effetti “speciali”, piuttosto che la raffinata ricerca timbrica che porta a considerare una carota diversa dall’altra, più o meno come uno stradivari non è un guarnieri (beh, non esageriamo). Dal vivo, quindi, prendono molto spazio l’amplificazione (il tecnico del suono è – di fatto – il nono componente del gruppo, anche se non sale sul palco) e l’elettronica. Ma anche questo è un elemento di grande interesse: se da un lato la musica “vegetale” tende a evocare la musica primigenia (non è difficile immaginare le prime comunità sociali alle prese col problema di trarre qualche suono da quanto è disponibile, legnetti, ortaggi e si potrebbero aggiungere sassi, se proprio non si hanno conchiglie…), dall’altro il sound finale si declina nelle tendenze più alla moda (techno, dub eccetera). La sintesi è interessante e – ciò che non guasta – divertente, ed è ulteriormente raffinata da alcune intelligenti allusioni e divagazioni linguistico-musicali: l’omaggio a Stravinskij nel “Massacre du Printemps” vale l’altro al Krautrock (la musica elettronica tedesca degli anni settanta) “suonato” effettivamente con i crauti (ma anche e soprattutto con l’amplificazione, dove i suoni “spaziali” sono evocati tramite un uso attento dell’effetto larsen tra pickup inserito nei crauti e spie dell’impianto audio), mentre il discorso sulla “naturalità” fa capolino per le inevitabili allusioni a una musica “di stagione” (bisogna pur rendersi conto che gli strumenti di ortaggi a primavera non possono essere gli stessi dell’estate o dell’autunno: nel concerto di Como, per esempio, le amate zucche – indisponibili sul mercato comasco – sono state sostituite da meloni gialli e solo le orecchie più avvedute hanno saputo cogliere i sottili cambiamenti nella tessitura timbrica…).

L’insistita base ritmica si richiama alternativamente alla musica etno, a quella disco ma anche a certa musica contemporanea “colta” (da John Cage a Steve Reich). E, alla fine, il minestrone (il termine non è – ovviamente – da intendere in senso denigratorio, anzi) dei generi appare ben riuscito.

Tanto quanto il minestrone di verdure (possibili strumenti inespressi), saporito e speziato, offerto a fine concerto, come da programma, al deliziato pubblico. Che si porta via anche qualche avanzo di strumento… se proprio non riuscirà a trarci nessun suono degno di nota, almeno potrà insaporire la prossima minestra.

[Fabio Cani, ecoinformazioni]

 

Alcuni momenti del concerto

VegetableOrchestra-01

VegetableOrchestra-02

VegetableOrchestra-04

VegetableOrchestra-03

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 Aprile 2015 da in como, musica con tag , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

COOKIES/ Informativa per i lettori

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei social plugin. Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione anche semplicemente scrollando si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca sull'immagine per leggere l'informativa sui cookies.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: