Carioni commissario ad acta

inceneritoreCarioni, commissario ad acta con i poteri del Consiglio provinciale ha riadattato il Piano provinciale per la gestione dei rifiuti. Il consigliere provinciale Renato Temmanti denuncia l’aumento del 20 per cento del potenziale di utilizzo del forno Acsm portandolo a ben 151.600 t/ annue e chiede della cosa si parli nel Consiglio provinciale del 16 novembre.

Il presidente della Provincia di Como Leonardo Carioni è stato nominato Commissario ad acta per la gestione dei rifiuti dalla Giunta regionale il 28 ottobre scorso.
Il 5 novembre, dopo che «l’istruttoria svolta dalla Regione ha evidenziato la non conformità del piano», bocciandolo nell’agosto scorso», e che «la Provincia di Como ha comunicato alla Regione l’oggettiva impossibilità del rispetto delle scadenze previste per le integrazioni cartografiche richieste e per l’espletamento delle procedure consiliari di riadozione», Carioni in solitaria, con la «deliberazione [n. 1] del commissario ad acta con i poteri del Consiglio provinciale» ha riadattato il Piano provinciale per la gestione dei rifiuti.
Cosa prevedeva il Piano provinciale? «L’utilizzo del ricorso al termovalorizzatore – spiega Renato Tettamanti consigliere del Prc – per una quantità di 118 mila t/ annue e di invio alla discarica di Mozzate di 46 mila t/ annue nel quadro di un cosiddetto scenario C (equilibrio tra recupero di materia e recupero di energia), basato sul miglioramento della raccolta differenziata, consentendo il recupero di materia e sottrazione della frazione organica a discarica e termovalorizzatore. Uno scenario da noi contestato in Consiglio provinciale perché ancora troppo timido nell’utilizzo della raccolta differenziata e per un ricorso ancora significativo a termovalorizzatore e discarica».
Tutto è cambiato però con la delibera del 7 agosto della Giunta regionale quando – spiega Tettamanti – «con la scusa della solidarietà interprovinciale, aumenta del 20 per cento il potenziale di utilizzo del forno Acsm portandolo a ben 151.600 t/ annue. La vicenda non è ancora esecutiva, ma è molto probabile che senza un’ampia opposizione divenga realtà».
«Tutto – ha precisato il consigliere eletto nelle liste del Prc – in assenza di controlli sulle emissioni e delle ricadute sulla salute dei cittadini. Solo ora sta partendo una prima parziale indagine da parte di Arpa Lombardia di Como a seguito di un ordine del giorno proposto dalle opposizioni in consiglio provinciale. Ad oggi gli unici dati disponibili sono solo quelli di parte aziendale che naturalmente non riscontrano nessun problema».
Per il consigliere comunista «vengono gettati via anni di discussioni data la decisione di Carioni, in ossequio alle direttive della Regione, comunicandolo ai consiglieri via fax».
«Si apra la discussione in Consiglio provinciale lunedì 16 novembre, se no a cosa servono tutti i discorsi sul federalismo e le competenze delle province? – ha chiesto Tettamanti – anche perché quest’argomento è strettamente collegato alla gara d’appalto sulla raccolta di rifiuti nel capoluogo, non ancora indetta, dato che adesso è più conveniente bruciare e Acsm/ Agam ha in programma la costruzione di una terza linea del forno».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: