Tedeschi al Terragni

terragniDal 2 al 10 febbraio, sedici studenti  e due insegnanti del Sankt- Ursula-Gymnasium di Brühl, cittadina a pochi chilometri da Colonia, saranno ospiti di una classe del corso linguistico del Liceo scientifico Terragni di Olgiate Comasco. Nel mese di marzo, lo scambio, che rientra tra le iniziative deliberate dal Collegio docenti del Terragni, proseguirà in Germania, quando gli alunni del Terragni saranno ospitati dai coetanei tedeschi.

Gli studenti del Sankt-Ursula-Gymnasium, scuola cattolica presso la quale viene dato ampio spazio allo studio delle lingue straniere (inglese, francese e italiano), seguiranno, per alcune mattinate,  le lezioni nelle classi del corso Linguistico e Linguistico Brocca. «Sarà per loro – sostiene Erminia Colombo, dirigente scolastico del Terragni – un’occasione importante di confronto con una lingua e una cultura, che stanno accostando nel loro percorso di studi».

Durante la settimana di permanenza in Italia sono, inoltre,  previste uscite sul territorio, nell’ottica di una valorizzazione dei legami tra il Comasco e la Germania.  «Andremo a Villa Vigoni, il centro culturale italo-tedesco di Loveno di Menaggio, e in Valle Intelai» – raccontano le insegnanti di tedesco, Rosanna Chiappetta e Antonella Sala, che, insieme ai colleghi Müller e Lanfranchi, stanno organizzando lo scambio. «Avremo, così, la possibilità di scoprire come i due territori siano stati in stretto contatto, già nei secoli scorsi: nei castelli di Brühl ci sono,  infatti, opere di artisti intelvesi, mentre la residenza di Mylius, a Loveno, è stata culla degli scambi culturali tra Romantici italiani e tedeschi».

«L’esperienza – sottolineano le due insegnanti– avrà certamente una ricaduta positiva sulle classi coinvolte, soprattutto nell’imparare a rapportarsi con una cultura diversa e a relazionarsi correttamente all’interno della famiglia ospitante nel rispetto delle abitudini di ogni singolo Paese.» Le docenti del Terragni  non nascondono le difficoltà incontrate nell’organizzazione del progetto: «Si è dovuto fare i conti con la crisi economica e con una sensibilità, in parte, ancora da sviluppare verso queste esperienze. Inoltre, a causa della mancata erogazione alle scuole dei fondi del Miur per le attività extracurricolari, il progetto, pur essendo stato avviato, non ha, per ora, i finanziamenti  utili per coprire le spese necessarie alla sua realizzazione. Da evidenziare, infine, che la mancata assegnazione dei fondi alle scuole ci ha già portato a rinunciare ad altri progetti che avrebbero sicuramente costituito un ampliamento dell’offerta formativa per i nostri studenti».

«Lo scambio – aggiunge Rosanna Chiappetta –  ha, tuttavia, incontrato il sostegno da parte dei colleghi del Consiglio di Classe e di altri insegnanti del Liceo, che si sono resi disponibili ad accogliere nelle loro classi sia gli studenti che i docenti tedeschi. A loro e al Comune di Olgiate Comasco, che ha sostenuto il progetto con un contributo economico, va il nostro grazie personale e quello dei nostri alunni».

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: