No alle discariche di confine

rifiutiIl Canton Ticino blocca l’impianto sul confine delle discariche, soddisfatta Regione Lombardia.

 

«Il Consiglio di Stato ticinese ha detto no alla realizzazione delle discariche per inerti ‘Genestrerio-Prella’ e ‘Genestrerio-Novazzano-Chioso’ al confine con il Comune di Bizzarone (Como) e in prossimità di aree di notevole pregio ambientale – dichiara Regione Lombardia –. Il Consiglio doveva esprimersi entro la fine di aprile, ma il parere è arrivato solo ora. Una questione che andava avanti da diverso tempo con la forte opposizione della Regione Lombardia, su preciso impegno dell’assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi, e del territorio comasco di confine, oltre che delle associazioni ambientaliste svizzere contrarie alla discarica».

«Una questione delicata, su cui la collaborazione tra Comuni, Associazioni, Regione e Cantone Ticino ha vinto sugli interessi di parte – ha dichiarato l’assessora –. Una bellissima notizia. Come Regione Lombardia ci siamo subito attivati, non appena informati della vicenda».

«Dall’inizio abbiamo monitorato l’intera situazione, partecipando, per la prima volta come da nostra stessa richiesta, all’interno del gruppo ‘inerti’ di Regio Insubrica, creato proprio per gestire la movimentazione del materiale da e verso la Svizzera – ha terminato Terzi –. La volontà della Regione di intervenire a salvaguardia delle comunità lombarde di confine, per evitare che i problemi del Cantone Ticino vengano “scaricati” sulla Lombardia è risultata vincente». [md, ecoinformazioni]

1 thought on “No alle discariche di confine

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: