Giorno: 4 Agosto 2016

Emergenza umanitaria/ Prc: sempre più persone, tutto insufficiente

prcRifondazione comunista, tra le organizzazioni più attive a Como per l’emergenza umanitaria, ha diffuso il 4 agosto un drammatico resoconto della situazione a Como San Giovanni. Leggi nel seguito il testo del comunicato.

«Sono tornata in stazione dopo qualche giorno di pausa. I migranti sono raddoppiati triplicati rispetto alla scorsa settimana. Ci sono molte ragazze, ci sono bambine (è la prima volta che vedo delle bimbe in stazione) è un andirivieni continuo di persone accampate nel prato, sotto i portici, lungo le pensiline dei binari. Alla mensa di Sant’Eusebio stasera [il 3 agosto ndr] sono stati distribuiti 360 pasti, la CRI non porta più cene al sacco in stazione. Le docce del Gallio sono a disposizione dei migranti 3 ore al giorno dalle 16,00 alle 19,00. Il tendone di viale Innocenzo continua ad essere riservato a nuclei familiari e donne con bambini. Ieri sera una famiglia (padre, madre ed una figlia) ci ha detto che preferisce dormire nel parco perché alla tenda alle 6 di mattina tutti in piedi e via.

Sembrerebbe che non sia cambiato molto e per certi versi è vero! Continuano a mancare abiti, scarpe e prodotti per l’igiene personale e non si capisce chi debba provvedere Continua a non esserci un presidio sanitario. Continuano a non esserci nè mediatori culturali né personale in grado di fornire spiegazioni sulla legislazione italiana in materia di immigrazione. Continua ad essere affidata al buon cuore ed alla buona volontà di singoli cittadini la distribuzione di indumenti, calzature, acqua ecc. I volontari italiani e svizzeri cercano di interagire con i migranti e di fornire loro spiegazioni e informazioni nei limiti delle proprie competenze e capacità, ma tutto rimane precario e fortuito…

Alla luce dei nuovi numeri anche i pochi servizi attivati (docce, bagni Cri) sono insufficienti, sottodimensionati. E’ tutto esattamente come una settimana fa….dieci giorni fa tranne il fatto che il numero dei migranti continua a crescere. Le previsioni ottimistiche delle istituzioni cittadine, che immaginavano un defluire spontaneo dei migranti una volta resosi conto dell’impossibilità di proseguire il loro viaggio sono state disattese, passano i giorni e l’emergenza anziché diminuire cresce, così come cresce la latitanza dei governanti e del governo locale. Alle due questa notte abbiamo contato le persone che dormivano: 307 di cui 24 al tendone e il resto sotto le stelle…e meno male che c’erano le stelle!» [Marisa Casati, Prc Como]

7 agosto/ Risonanze: dal Grumello a Bignanico – AVVERTENZA

La Casa della Musica di Como con Risonanze propone, anche quest’anno, tre percorsi alla scoperta di luoghi, suoni, storie, personaggi della città e della periferia di Como, intrecciando momenti musicali con luoghi significativi o poco noti.
Organizzati dalla Casa della Musica e dal Comune di Como nell’ambito degli appuntamenti estivi di Como Live, gli itinerari sono a cura dell’Accademia Orchestrale del Lario per quanto riguarda gli aspetti musicali e di Fabio Cani per quanto riguarda gli aspetti storici e artistici.

Domenica 7 agosto 2016, la visita guidata e animata dalle musiche klezmer, blues e tanghi di Giulia Larghi al violino e Chiara Zabatta alla viola traccia un percorso trasversale all’ormai famoso e apprezzato chilometro della conoscenza, dal Grumello a Bignanico.

Partenza, quindi, alle 15.30 dal Grumello, tra la villa e il lago, per risalire alle Serre attraverso il parco e uscire dal chilometro al parcheggio di Bignanico. Qui si avrà modo di apprezzare l’antico nucleo sulle falde del colle di Cardina, tra vecchie cascine e nuove ville, con l’antica chiesa di S. Pietro. Sosta alla cappellina Celesia su via Bignanico (erede dell’antica Santa Maria del Prestino) e alla Casa Albergo Villa Celesia della Fondazione Ca’ d’Industria.

Il percorso terminerà alla Scuola Montessori di via Bignanico, interessante edificio scolastico della metà degli anni Settanta.

 

ATTENZIONE! I danni provocati dal recente maltempo impediscono l’uso del ponticello lungo il chilometro della conoscenza. L’accesso alla Villa del Grumello deve quindi avvenire o dalla strada per Cernobbio o dal parcheggio a Bignanico.

6 agosto/ Festival ComoJAZZ 2016: primo concerto con Rhapsodija Trio

L’associazione Casa della Musica, proseguendo il percorso iniziato con successo nel 2014, propone anche quest’anno il Festival ComoJazz, cinque concerti dal 6 agosto all’11 settembre che coinvolgeranno ventitré artisti fra i più interessanti del panorama nazionale e non solo. Serate di jazz offerte al pubblico di appassionati nel piccolo “auditorium” all’aperto dall’acustica preziosa di Piazza Martinelli. 

ComoJazz è promosso con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Como.

Primo concerto sabato 6 agosto alle ore 21.15 in piazza Martinelli (in caso di pioggia, nell’attigua Casa della musica – via Collegio dei Dottori 9) Como  con il Rhapsodija Trio, composto da Maurizio Dehò violino, Luigi Maione chitarra e Nadio Marenco fisarmonica.

Cosa ci fanno sullo stesso palco un violino del ‘700, una Gibson Les Paul del ’71 e una fisarmonica di Stradella? Segnano il nuovo corso di Rhapsodija Trio. Un ensemble di impatto immediato, più elettrico, più swing, evocativo e sempre più passionale, travolgente.

Il violino appartiene al gusto e alla creatività di Maurizio Dehò, un artista importante della tradizione popolare est-europea nel nostro paese. Languido e potente, dotato di entusiasmo e comunicativa inesauribili, è ancora una volta alla ricerca di nuovi percorsi espressivi. La chitarra è di Luigi Maione in versione elettrica, che rivela la natura del proprio sound d’origine, le radici rock, latine, ma non solo. Ancora sensibile alle ispirazioni manouche, mediterranee e flamenco, si dedica alla costruzione di un progetto rinnovato, fatto di energia, intuizioni, reminiscenze e un pizzico di trasgressione. Il nuovo fisarmonicista Nadio Marenco è la terza anima pulsante del gruppo, musicista di grande sensibilità artistica e sorprendenti capacità tecniche. Tensione tanguera, solida base di appoggio per i voli e i virtuosismi dei compagni, è a sua volta ispiratamente melodico nell’alternarsi di accompagnamento e canto, assoli e ancora groove.

I tre presentano un’antologia della loro produzione dal 95 ad oggi, dai pezzi propri ai brani kletzmer completamente riarrangiati, a stuzzicanti riletture di brani classici, di tango argentino e della tradizione gitana.

 

Qual è la legge della frontiera?

ComoSenzaFrontiere-PiazzaDuomo-07A fondamento del concetto stesso di legalità democratica c’è la conoscenza delle norme in vigore, per questo l’associazione Firdaus,  la rete Como senza frontiere, la parlamentare socialista ticinese Lisa Bosia Mirra, Luigi Nessi e Celeste Grossi (consiglieri comunali di Paco-Sel a Como) interrogano il prefetto di Como e le autorità di governo del Ticino per conoscere quali siano le norme in vigore alle frontiera italo-svizzera. Leggi il testo della lettera

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: