Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Lurago d’Erba: Bella Storia!

40161749_1709627342497668_19771349371191296_o

Non lascia, anzi raddoppia o quasi, la rassegna storico-culturale “La Storia Siamo Noi”, organizzata dalla Biblioteca di Lurago d’Erba, dedicata a personaggi o avvenimenti di cui ricorrono anniversari particolari;

personaggi e avvenimenti il più delle volte di un certo peso e di un certo segno; si passa infatti dai 5 appuntamenti dello scorso anno (Gramsci, Martin Lutero, Don Milani, La Rivoluzione d’Ottobre, Caporetto) agli 8 in programma quest’anno, in svolgimento tutti presso il Municipio di Lurago d’Erba in via Roma 56, in un arco di serate tra il 12 settembre e il 6 dicembre, con inizio alle 21.

E curiosamente, sembra di assistere a una gara tra le biblioteche di questo angolo di Brianza, a chi osa di più: se la rassegna cinematografica estiva a Inverigo era dedicata al ’68, Lurago risponde con carichi altrettanto importanti, da Marx a Che Guevara.

Il primo appuntamento il 12 settembre è con Alfredo Somoza, “Che Guevara non è morto”, introdotto da Federico Brugnani. Somoza non ha bisogno di presentazioni, almeno per gli ascoltatori di Radio Popolare; argentino rifugiato in Italia a seguito delle persecuzioni da parte delle giunte militari del suo paese, ha un curriculum di tutto rispetto di giornalista, ed esperto di politica internazionale e di cooperazione internazionale.

Si prosegue il 27 settembre con “Francesco, così amato, così inascoltato: i cinque anni di un Papa scomodo”, di Stefano Femminis, giornalista e responsabile comunicazione della Fondazione Culturale San Fedele, che dialoga con il pastore valdese Andreas Koehn e Giovanni Molteni, presidente della commissione biblioteca di Lurago nonché consigliere comunale.

L’11 ottobre è la volta di “Barcellona bombardata e la guerra civile spagnola”, col ricercatore e studioso della storia del ‘900 Carlo Antonio Barberini, introdotto da Roberto Croci.

Il 25 ottobre si passa a “Il Giovane Marx” con Matia Vaz Pato, insegnante laureato in filosofia, introdotto da Filippo Casati.

L’8 novembre tocca a una “vecchia” e apprezzata conoscenza delle serate cultural/letterarie nell’inverighese e non solo, Ivano Gobbato, che parla di “1915-1918: fuoco amico”, presentato da Laura Bressan.

Una serata è poco, quindi torna Carlo Marx il 15 novembre con il professor Marzio Zanantoni, esperto di tematiche filosofiche dell’Italia dell’800 e 900; è “Marx in Italia”, sempre introdotto da Filippo Casati.

I professori Gilberto Bolliger Zambetti, storico, e Mario Porro, epistemologo, si scambiano i ruoli di relatore e presentatore nelle ultime due serate, in programma rispettivamente il 22 novembre (“Le leggi razziali del fascismo”) e il 6 dicembre (“1968: la presa della parola”).

Una rassegna che si annuncia non solo di quantità ma anche di qualità, come c’è da aspettarsi quando l’organizzazione è della Biblioteca di Lurago e la regìa di Giovanni Molteni.

Teniamoci liberi. (FB, ecoinformazioni)

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 settembre 2018 da in Senza Categoria.

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: