Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 347.3674825, ecoinformazionicomo@gmail.com

Csf/ Sul nuovo Regolamento di polizia urbana di Como/ Presenza il 13 maggio in Consiglio comunale

«A distanza di un anno e mezzo dal regolamento contro le persone povere e senza fissa dimora del dicembre 2017, la maggioranza che regge il Comune di Como non ha saputo affrontare nessuno dei problemi della vita sociale cittadina, e invece torna a ribadire la propria logica punitiva, repressiva e discriminatoria proponendo nel nuovo Regolamento di polizia urbana le parti peggiori della legge Minniti sul decoro urbano.

Il nuovo regolamento di Polizia urbana è infatti un accumulo di divieti che limitano inutilmente e pesantemente la libertà di “vivere la città”, anche nelle azioni più banali ed innocue, con lo scopo prioritario di intimorire ed allontanare la parte debole e disagiata della popolazione, senza proporre alcuna azione che affronti realmente le problematiche sociali né tanto meno cerchi di garantire le esigenze fondamentali delle persone che a volte sono costrette a comportamenti sanzionabili solo per soddisfarle. Le regole enunciate – capziose a tratti, approssimative nella maggior parte dei casi, comunque subordinate a una drammatica valutazione soggettiva -, ammesso che possano essere fatte rispettare, sono rivolte esclusivamente a un controllo del territorio e a una omologazione dei comportamenti personali, senza alcuna considerazione per l’affermazione della qualità della vita e la salvaguardia dei diritti.

La città viene quindi interpretata come uno spazio da governare con metodi polizieschi, con la possibilità di adottare anche specifici provvedimenti di repressione e di espulsione (il cosiddetto “daspo urbano”) da zone particolari del territorio, dove i cosiddetti principi del “decoro” assumono l’aura di regole assolute e indiscutibili.

Diciamo no a questo regolamento, rivendicando invece un percorso di partecipazione e condivisione per la messa a punto di regole di convivenza civile.

Chiediamo nel contempo una progettualità urbana e sociale realmente risolutiva delle evidenti problematiche, contrastando soluzioni sbrigative, emotive ed inefficaci.

È indispensabile che l’amministrazione pubblica si impegni ad affrontare le criticità che interessano tutti gli strati della popolazione, a partire da quelli più fragili.

Servono scelte coraggiose e lungimiranti, in grado di rendere efficiente il sistema dell’accoglienza e dell’assistenza, che va integrato con quei servizi indispensabili (come un centro di bassa soglia) per venire incontro alle esigenze delle persone migranti e transitanti. Servono anche decisioni rapide per restituire alla piena fruibilità di tutti (residenti, turisti, forestieri, migranti) le strutture che già esistono e che non comportano grandi oneri di funzionamento. Serve discutere senza inutili rinvii e perdite di tempo tutte le proposte già formulate su questi temi.

Como senza frontiere, insieme a molte altre realtà, da tempo sollecita l’amministrazione e tutte le forze politiche e sociali a prendere atto di queste fondamentali esigenze della città e del territorio.

Di questa sicurezza ha bisogno la cittadinanza, non di discriminazione e repressione». [Como senza frontiere]

Como senza frontiere sarà presente il 13 maggio in Consiglio comunale per l’annunciata discussione sul Regolamento.

Rispondi

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 Maggio 2019 da in Senza Categoria.

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

COOKIES/ Informativa per i lettori

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei social plugin. Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione anche semplicemente scrollando si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca sull'immagine per leggere l'informativa sui cookies.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: