Il Malpensa Express parte anche da Milano Centrale

Con il nuovo orario invernale dei treni sono previste 51 nuove corse da e per Milano con l’aeroporto di Malpensa: «l’obiettivo è raddoppiare i passeggeri» ha detto Formigoni (ma per Cattaneo un aumento delle tariffe rimane all’orizzonte)

«Da stamattina [12 dicembre] alle 5.25 sono state attivate 51 nuove corse giornaliere che si aggiungono alle 79 su Milano Cadorna per un totale di 130 collegamenti dal lunedì alla domenica fin dopo la mezzanotte – spiega una nota della Regione –. Il collegamento è stato reso possibile dall’attivazione, lo scorso mese di luglio, del “passantino” che collega Centrale a Bovisa».

Più precisamente sono «due le modalità in cui si articola il servizio: 1) un treno ogni 60 minuti, in partenza da Centrale al minuto 25, con fermate intermedie a Garibaldi, Bovisa, Saronno, Busto Arsizio FN nelle ore di punta; nelle ore di morbida si aggiungono le fermate di Rescaldina, Castellanza e Ferno-Lonate e 2) un servizio veloce che prevede 5 corse con le sole fermate di Porta Garibaldi e Bovisa da Centrale, mentre da Malpensa Aeroporto i treni veloci sono sei».

Per questo «su Milano Cadorna: diventano 54 le corse no-stop nelle ore di morbida (con tempi di percorrenza super rapidi e cioè 29 minuti) e 25 quelle con fermate intermedie a Saronno e Busto Arsizio FN nelle fasce di punta (con durata totale di 36 minuti)».

Il costo del viaggio sarà di 7 euro per i primi 6 mesi che saliranno poi a 11.

«Nel corso del 2010 – ha dichiarato il presidente lombardo Roberto Formigoni – 2 milioni di passeggeri sono partiti da Cadorna per raggiungere Malpensa; col nuovo collegamento contiamo di raddoppiarli».

«Oggi possiamo dire di aver raggiunto 5 obiettivi – ha affermato l’assessore all mobilità Raffaele Cattaneo – in un colpo solo: Malpensa è collegata non solo con la centrale, ma anche con Garibaldi. Poi, a chi lamentava corse troppo lente perché superiore ai 30 minuti ricordiamo che da oggi sono ben 54 quelle che scendono a soli 29 minuti di percorrenza. E ancora a chi lamentava troppo poche relazioni facciamo presente che con oggi diventano 130 più 4 collegamenti ad Alta velocità con i Frecciarossa. Vuol dire un treno ogni 15 minuti come avviene solo nei migliori hub del mondo».

L’assessore alla mobilità ha voluto precisare che non ci saranno peggioramenti del servizio per i pendolari «anzi, 40 dei 51 treni che sono utilizzati dalla Centrale sono sfruttabili anche da loro con 2 punti di interscambio sulla rete delle Ferrovie Nord a Saronno e Busto Arsizio, disponibili al prezzo dei pendolari con le tariffe regionali».

Resta il nodo dei tagli effettuati da Roma e «Regione Lombardia, che pure vede il taglio più grave di risorse rispetto alle altre, grazie ad un’oculata gestione del proprio bilancio, non solo non elimina corse, ma amplia l’offerta di servizio per i pendolari su tutta le rete attivando 62 corse in più» ha dichiarato Formigoni. Comunque per Cattaneo «un aumento delle tariffe rimane all’orizzonte», sottolineando però che il lavoro iniziato su questo fronte con Roma «ha già permesso di centrare il primo obiettivo che era quello di non ridurre i servizi né su ferro né su gomma. Questo ci sta permettendo di arrivare anche al secondo obiettivo e cioè di contenere i tagli dai 300 milioni iniziali intorno ai 100».

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: