Revocato lo sciopero alla Navigazione Laghi

Riappaiono i fondi per la Navigazione i sindacati annullano lo sciopero del 18 febbraio, rimane l’incertezza dopo il 2012

«Non avevamo creduto alle troppo facili rassicurazioni di un previsto emendamento governativo che avrebbe dovuto ripristinare quelle risorse – hanno dichiarato il segretario generale Filt Lombardia Nino Cortorillo e il Responsabile Filt Regionale Navigazione Laghi Ivan Panzica –. Infatti nonostante le trionfanti dichiarazioni di dicembre di vari onorevoli, non vi era nessuna traccia dei soldi necessari alla Navigazione».

«Con quei tagli – proseguono i sindacalisti – erano a rischio i posti di lavoro, e non solo quelli degli stagionali, ma anche gravi conseguenze vi sarebbero state per l’utenza, a causa dei tagli evidenti ai servizi, all’economia e all’indotto turistico dei laghi, all’ambiente».

«Grazie anche alle nostre sollecitazioni e allo sciopero della Navigazione indetto per il 18 febbraio p.v., è di queste ore la notizia della votazione nel “decreto Milleproroghe” di emendamenti che ripristinano i fondi appena necessari al normale funzionamento della Navigazione – aggiungono Cortorillo e Panzica –. Per questo, venendo meno le motivazioni di tale sciopero, pur tenendo alta l’attenzione verso le istituzioni, la politica locale e l’opinione pubblica, fino a quando non verranno ufficialmente ripristinate tali risorse, i sindacati hanno deciso di revocare responsabilmente lo sciopero previsto».

Soddisfazione anche dal fronte della politica: «La nostra proposta, che attraverso un emendamento presentato dai senatori del PD, richiedeva il prolungamento per il biennio 2011-12 del meccanismo già utilizzato nel 2009-10 per consentire alla navigazione il reimpiego degli avanzi di gestione degli esercizi finanziari precedenti – ha affermato la deputata comasca Chiara Brago –, è di fatto stata assorbita dall’emendamento presentato dalla maggioranza e questo ha permesso di assicurare per il prossimo biennio 12 milioni di euro».

«Nonostante ciò rimane aperta la questione del reperimento delle risorse anche dopo il 2012 – conclude però la deputata democratica – e l’avvio di una seria riflessione sulla possibile regionalizzazione di un servizio cruciale per la mobilità e lo sviluppo turistico del nostro territorio». Per il prossimo futuro «in seguito alla richiesta da me effettuata – ha dichiarato il capogruppo del Pd in Regione Lombardia Luca Gaffuri –, si terrà al Pirellino entro la fine del mese di febbraio, un’audizione pubblica con i rappresentanti comaschi della navigazione lacuale, i sindacati, le associazioni degli albergatori e i comuni rivieraschi al fine di migliorare sia il servizio di linea che quello turistico».

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: