Un libro e un concerto sull’ex carcere di San Donnino a Como

Giovedì 5 maggio alle 18.30 all’Accademia di Belle Arti Aldo Galli in via Petrarca 9 a Como sarà presentato con musica e immagini il libro Ex carcere. Ingresso libero. Il volume viene offerto agli abbonati a ecoinformazioni.  La drammaticità del tema e la crudezza di alcune immagini rendono la visione non adatta ai bambini. Ci si passa molto vicino, solo qualche metro, camminando per via Giovio, nella città murata. Dall’altra parte del muro, oltre le finestre anch’esse murate, ci sono brande riparate con lacci di stoffa, berretti di secondini abbandonati sulle scale, piatti, bicchieri, bottiglie lasciati nel cortile dell’ora d’aria, ritratti di bambini e quadri del Cristo, donne nude a tappezzare le pareti, graffiti primitivi e inquietanti, frammenti di carte parlanti, vecchi pacchetti di sigarette, e naturalmente sbarre, grate, serrature, catenacci. Perché questo era un carcere, il carcere di San Donnino.

L’impressione è che sia stato abbandonato in tutta fretta, lasciando tutto (quel poco che c’era) com’era. Ed è proprio questa quotidianità degli oggetti, dentro questi spazi banali, così contigui  alle case, così improvvisamente abbandonati, che costringe a ripensare, ancora, al significato sociale della detenzione.

Questo carcere è chiuso da ventisei anni, ma la verità indecente è che le carceri italiane sono oggi vere e proprie discariche sociali, abitate quasi esclusivamente da poveri. Gli istituti di pena hanno oggi (gennaio 2011) 45 mila posti. Le persone detenute sono  68 mila. 30 mila sono solo imputati, 20 mila sono tossicodipendenti, 17 mila  sono malati di mente, 25 mila sono stranieri. Tutte categorie tra loro cumulabili.

Si entra e nessuno ti dice quello che succede, e di nessuno ci si può fidare. Si sta chiusi a chiave anche per 20 ore al giorno, in ambienti fuori legge, lontane le famiglie, stentate le compagnie, stentate anche le solitudini. Ogni cinque giorni, uno di loro esce per suicidio. Ogni cinque giorni.

 Il libro  Ex carcere. Viaggio fotografico nell’ex carcere di San Donnino a Como, edito da Nodo libri e curato da Andrea Rosso, è essenzialmente un viaggio fotografico, basato sulle splendide immagini di Gin Angri, l’unico fotografo ad aver documentato gli interni del carcere abbandonato. Alle fotografie è associato un intervento artistico di Monica Galanti, che ha rappresentato con i suoi disegni-labirinti la disperazione di questi luoghi. I testi che ricostruiscono la storia del carcere sono di Fabio Cani. Il volume viene offerto agli abbonati a ecoinformazioni.

 ll concerto, Ora d’aria, è eseguito dal gruppo Trammammuro (Claudio Bonanomi, Emanuela Ferloni, Pierangelo Galletti, Marco Lorenzini, Roberto Nedbal, Andrea Rosso) ed è associato a un video curato da Andrea Rosso e Silvio Curti.

Durante la serata di presentazione sarà visibile un’installazione sul carcere a cura di Monica Galanti.

2 thoughts on “Un libro e un concerto sull’ex carcere di San Donnino a Como

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: