Il bilancio annuale dei vigili del capoluogo lariano

1869-2012Come ogni anno la polizia locale comasca tira le fila dell’attività svolta e analizza il lavoro svolto nel corso dell’anno precedente: aumentano le patenti ritirate

«Dall’analisi dei dati emerge che il particolare contesto economico sociale ha influenzato anche le tipologie di infrazioni accertate, tant’è che i veicoli circolanti sorpresi senza l’obbligatoria copertura assicurativa e posti sotto sequestro sono aumentati del 45,8%, passando dai 192 del 2011 ai 280 del 2012 – spiega il comandante Vincenzo Graziani nell’introduzione alla relazione annuale –. In crescita anche il numero degli incidenti stradali che sono passati dai 689 del 2011 ai 732 del 2012, a cui vanno aggiunti 223 casi in cui i coinvolti hanno compilato autonomamente il modello C.I.D. In particolare gli incidenti con feriti salgono a 401 del 2012 dai 398 del 2011 con 520 persone infortunate, ovvero 6 in meno all’anno precedente».

«Significativo è il numero di patenti ritirate indicatore pressoché raddoppiato negli ultimi due anni, infatti erano 130 nel 2010, 179 nel 2011, 218 nel 2012; risultano in diminuzione sia le infrazioni legate alla Circolazione senza sistemi di ritenuta 210 nel 2011, 196 nel 2012, stessa cosa dicasi per la Circolazione facendo uso di cellulare 327 nel 2011, 283 nel 2012 – prosegue Graziani –. Il contrasto al degrado urbano ed alle forme di inciviltà si esplicano attraverso 105 sequestri di merce venduta illegalmente e/o contraffatta (+ 21%), 154 veicoli rimossi poiché in stato d’abbandono, le 91 occupazioni di suolo pubblico irregolari».

«Con il coordinamento della Prefettura ed unitamente alle Forze dell’Ordine ed all’A.S.L., anche per l’anno appena passato si è proseguito nelle azioni volte a diminuire le cosiddette stragi del sabato sera, attraverso la presentazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri del progetto, poi approvato, non ti bere la patente 2012 iniziato nell’autunno scorso che si concluderà nel dicembre 2013 – conclude lo scritto –. L’obiettivo consiste nella crescita della cultura della legalità e del rispetto delle regole, nonché della presa coscienza delle conseguenza che l’uso e l’abuso di alcol possono provocare, non solo in termini di sanzioni amministrative e/o penali ma anche dal punto di vista clinico diagnostico, grazie ad un’implementazione dei controlli congiunti, affiancati da idonee giornata di educazione stradale ed educazione alla legalità che si terranno presso gli istituti scolastici» (la relazione). [md – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: