Cantù/ Il ministro Kyenge alla Festa democratica

KyengeCantù-04Dopo l’ennesimo oltraggio alla civiltà e alla democrazia compiuto dai consiglieri della Lega Nord Alessandro Brianza e Edgardo Arosio e dall’ex leghista Giorgio Masocco che hanno abbandonato l’aula del Consiglio comunale di Cantù all’arrivo della  ministra dell’Integrazione invitata dal sindaco Claudio Bizzozzero, Cecìle Kyenge è stata ospite il 29 luglio sera della Festa regionale del Partito democratico a Cantù in località Bersagliere. L’incontro Quale modello d’integrazione per la Lombardia?  ha visto l’esponente del Pd dialogare con il sindaco di Varese Attilio Fontana. Guarda i video dell’inc0ntro sul canale youtube di ecoinformazioni.

Un ottimo dibattito per un’ottima ministra. L’incontro sullo “stato” dell’integrazione in Lombardia ha visto Cecìle Kyenge in grande forma, precisa e misurata nei suoi interventi, capace di ribattere colpo su colpo alla sua controparte sul palco, il sindaco leghista di Varese Attilio Fontana.

KyengeCantù-02Dopo gli attacchi degli ultimi giorni, ultimo dei quali la mancata presenza della Lega alla seduta comunale di Cantù proprio per protesta contro la presenza della ministra, la serata al parco Bersagliere non ha visto alcun problema di ordine pubblico, riservando invece all’esponente del Pd grandi applausi e manifestazioni di forte sostegno. L’incontro, strutturato in un botta e risposta tra le due parti, ha spaziato tra diversi temi, dal razzismo allo Ius soli, mettendo quindi a confronto mentalità e opinioni diversissime.

Scendendo più nei particolari, la titolare del dicastero dell’Integrazione e delle Politiche giovanili ha ripercorso gli avvenimenti più recenti che l’hanno vista incolpevole protagonista, respingendo comunque qualsiasi tipo di attacco o di polemica.  Interazione, non solo integrazione, è stata la parola chiave dei suoi inteventi, un modo per favorire il pieno coinvolgimento dei migranti nella vista sociale, economica e lavorativa del nostro Paese. Un progetto ambizioso e che vedrà come primo passo, ha annunciato la Kyenge, in un vasto intervento sulle problematiche della popolazione straniera, frutto della collaborazione con diversi ministeri e che riguarderà numerosi campi, dallo sport alla scuola.


KyengeCantù-03Su due temi molto caldi quali lo Ius soli e la Bossi-Fini l’esponente del governo Letta ha previsto manovre di radicale innovazione giuridica, per superare le numerose storture che il sistema ha prodotto negli ultimi anni.  Tutto ciò ovviamente non ha trovato riscontri favorevoli nell’altro ospite della serata, il già citato Attilio Fontana. Il primo cittadino di Varese ha recitato senza particolari patemi il punto di vista del suo partito, insistendo in particolare modo sul rifiuto del “diritto di terra” in favore di un processo più complesso per ottenere la cittadinanza, sulla necessità di difendere tradizioni e culture locali e sulla stigmatizzazione dei durissimi interventi contro il Ministro degli ultimi mesi, “nati” a suo dire più per erronea sete di pubblicità che per espressione reale di un movimento politico. Il dibattito, molto accesso, è stato però estremamente corretto, senza scadere così in confusione o in polemiche inutili anche da parte leghista.

KyengeCantù-01La parte conclusiva ha visto il contributo di Mbaye Diongue, responsabile del Forum Immigrazione Pd di Como, che ha ricordato il grande ruolo che i migranti, presenti numerosissimi tra il pubblico, svolgono nella quotidianità del Paese. Il suo messaggio è stato un appello affinché tale contributo venga pienamente riconosciuto, impedendo così nuovi episodi di razzismo e intolleranza. [Luca Frosini, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: