ecoinformazioni, radici e ali nella scuola di vetro

canisant'eliaNell’introduzione, Fabio Cani, presidente del circolo Arci-ecoinformazioni e condirettore della testata, non ha taciuto l’incongruenza di un numero, quello 435 di ecoinformazioni, che è targato Inverno, ma viene presentato il 19 marzo, a un soffio dalla primavera e neppure ha glissato sulla singolarità costituita dall’uscita domenica 16 marzo del 438 che è di “mezza stagione”, ma è stato distribuito prima che la primavera cominciasse. Ecoinformazioni è così, tanto che alla presentazione occhieggiava dal monitor del pc anche il 439 che è uscito oggi ed è settimanale. Alla presentazione della nostra singolare impresa di libera informazione a Como, onorata dall’essere ospitata nell’Asilo Sant’Elia, un luogo straordinario, è seguita l’illustrazione dello speciale Como Borghi dedicato al progetto Radici e Ali e l’approfondimento di alcuni aspetti del progetto stesso. E’ seguito lo splendido intervento di Caterina De Camilli che ha narrato la sua esperienza di bambina, allieva nella “scuola di vetro”. In conclusione la proiezione del Cinegiornale sul quartiere e un breve dibattito nel quale Gilda D’Angelo ha posto con forza l’attenzione della necessità di valorizzare e comprendere nel progetto l’essenziale ruolo della popolazione migrante e delle donne in particolare ricevendo assicurazione che ciò vede  le organizzatrici e gli organizzatori di Radici e Ali pienamente concordi. On line sul canale di ecoinformazioni i video dell’iniziativa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: