Il Terragni di Olgiate nel Land Nordrhein-Westfalen

IMG_0342Dal 22 al 28 marzo si è svolta la seconda parte dello scambio tra il Sankt-Ursula-Gymnasium di Brühl, nel Land Nordrhein-Westfalen, e il Liceo Terragni di Olgiate Comasco. L’esperienza, iniziata lo scorso anno scolastico, ha visto la partecipazione di undici studenti tedeschi e di sedici studentesse italiane, accompagnati dai loro docenti.

Il soggiorno in Germania, ha rinforzato i legami tra le due scuole, nella prospettiva di una collaborazione che supera i pregiudizi verso l’altro e apre ad uno scambio culturale che passa attraverso l’esperienza quotidiana in famiglia, la frequenza delle lezioni, la conoscenza del territorio e della sua storia e il confronto con alcuni aspetti economico-sociali della Germania, tra cui,  cosa stranissima per i tedeschi, lo sciopero di più giorni dei mezzi di trasporto.

Il duomo di Aachen (Aquisgrana), milleduecento anni dopo la morte di Carlo Magno, e la bella cittadina olandese di Maastricht ci hanno indotto a percorrere a ritroso la storia dell’Europa, dal Trattato che ha segnato una nuova tappa nell’integrazione europea alle radici del Sacro Romano Impero.Colonia e Bonn, entrambe situate sul Reno, sono state caratterizzate da alterne vicende di ricchezza, distruzione e rinascita: il Museo HausderGeschichte, a Bonn, che ripercorre la storia della Germania dal 1945 ai giorni nostri, e la splendida cattedrale di Colonia, ultimata nel 1880, secondo i progetti di qualche secolo prima, hanno offerto l’opportunità di confrontarci con alcuni aspetti storico-politici e artistici della Germania. Infine, la visita allo SchlossAugustusburg a Brühlha evidenziato i legami tra la Germania e il nostro territorio, considerato che alcuni ambienti del castello sono stati decorati dai Maestri del Lago.

Lo scambio tra le due scuole, che si inserisce tra i progetti di mobilità internazionale che l’istituto di Olgiate offre ai propri studenti, è stato molto  positivo: una bella occasione e un’esperienza interessante, fatta anche di grande accoglienza da parte delle famiglie tedesche. Certamente, da ripetere con nuovi gruppi di studenti. [as per ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: