11 ottobre/ Stop Ttip

nottipAnche Sel di Como si mobilità contro il  Ttip (Transatlantic Trade and Investment Partnership), il Partenariato Trans-Atlantico su commercio e investimenti l’accordo capestro che quasi clandestinamente avanza e potrebbe dare un colpo mortale ai diritti dei cittadini e alle loro condizioni economiche a vantaggio esclusivo delle grandi aziende multinazionali, delle economie più forti e della parte della popolazione più ricca. A Como è in programma un gazebo sabato 11 ottobre tutta la giornata avanti a Liceo classico (Largo già noto come Miglio).

«Sinistra Ecologia Libertà aderisce a livello nazionale alla campagna stop Ttip e sabato 11 ottobre parteciperà alla giornata di informazione europea contro il Partenariato Trans-Atlantico su commercio e investimenti  (Ttip – Transatlantic Trade and Investment Partnership). A Como sarà presente, tempo permettendo, in Largo Miglio (Porta Torre, davanti al liceo Classico) con un gazebo informativo sui temi del commercio e del lavoro.

I contenuti dell’accordo Ttip, che è ancora in discussione, interessano settori diversi, dal commercio ai servizi locali, agli investimenti e rappresentano un tentativo di erosione delle garanzie conquistate in anni di lotte sociali dal punto di vista del diritto del lavoro, dei diritti umani, della tutela ambientale, della sicurezza alimentare, degli istituti democratici. Il primo obiettivo del Ttip, infatti,  non saranno le tasse doganali già abbastanza basse tra Europa e Usa, bensì quelle “non doganali”, che riguardano gli standard di sicurezza e di qualità della vita di tutti i cittadini: l’alimentazione, l’istruzione e la cultura, i servizi sanitari, i servizi sociali, le tutele e la sicurezza sul lavoro. Questo perché l’omologazione delle normative porterà inevitabilmente ad una perdita delle garanzie esistenti in Europa, oggi molto più elevate rispetto a quelle statunitensi. Per fare un esempio: in base al referendum del 2012, in Italia l’acqua è un bene pubblico; ma le aziende statunitensi potrebbero contestare questo principio, sancito dalla volontà popolare, in base alla legislazione Usa per la quale l’acqua è una merce come un´altra.

Il materiale informativo verrà distribuito anche in altri territori della provincia e una bozza di mozione sul tema del Ttip, verrà inviata ai consiglieri comunali e provinciali».

[Marco Lorenzini, coordinatore provinciale Sel Como]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: