Mese: Gennaio 2015

Life electric/ diga chiusa fino al 19 gennaio

libeskind-notteL’associaizone Amici di Como, comunica che, in accordo con il comune di Como, la diga foranea sarà chiusa al pubblico fino al 19 gennaio per consentire l’ultimazione delle prove di carico in vista dell’allestimento di Life Electric. [jl, ecoinformazioni]

10 gennaio/ A San Pietro in Atrio la mostra Silk Reloaded 2.0

silkDopo il successo della prima edizione di Silk Reloaded, il tessile comasco torna ad incontrare la gente nel cuore della sua città. La mostra Silk Reloaded 2.0 che verrà inaugurata sabato 10 gennaio alle 18 nello spazio di San Pietro in Atrio di via Odescalchi 1 a Como, sarà visitabile fino al 1 febbraio. Saranno esposti i progetti degli studenti che fanno parte di uno dei più importanti istituti superiori di formazione del tessile moda in Italia, il Paolo Carcano di Como, conosciuto in città e nel settore come il Setificio. L’Istituto Paolo Carcano, con la sua storia e le sue attività, è infatti il principale protagonista di una mostra dedicata al settore moda e pensata per il pubblico e le famiglie con l’obiettivo di far comprendere come si impara un mestiere tanto affascinante come quello nell’ambito del tessile-abbigliamento. Promossa da Fondazione Setificio e Associazione Ex Allievi Setificio con il Museo Didattico della Seta e supportata da Confartigianato Imprese Settore Moda e da Unindustria Gruppo filiera Tessile, la mostra gode del Patrocinio e del sostegno dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Como. Orari: da martedì a venerdì dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30; sabato e domenica dalle 14.30 alle 19. Ingresso libero. [jl, ecoinformazioni]

Riqualificazione di piazza Volta, via Grassi e via Garibaldi: posa della campionatura della pavimentazione

piazza voltaIn relazione alla progettazione in corso per la riqualificazione di piazza Volta, via Grassi e via Garibaldi, il professionista incaricato, Architetto Cesare Ventura, provvederà lunedì 12 gennaio, tramite ditta incaricata dal professionista stesso, ad effettuare la posa di alcuni metri quadrati di pavimentazione in cubetti di pietra ricostruita su letto di sabbia, come campionatura da sottoporre all’attenzione dell’Amministrazione. L’intervento verrà eseguito in modo da occupare i primi 4/5 posti moto presenti in piazza Volta, nella parte una volta identificata come piazzetta Lasca. Tutte le operazioni tecniche saranno effettuate a carico della ditta incaricata.  La posa della campionatura rimarrà in mostra anche nella giornata successiva di martedì 13 gennaio. [jl, ecoinformazioni]

Video/ I Re Magi in Borgovico

incantati_dalla_stella_1391758090Una cinquantina di persone hanno affollato martedì 6 gennaio la sala dell’Hotel Borgo antico a Como per l’incontro di Nodo libri  dedicato ai Re Magi Incantati dalla Stella. Viaggio immaginario e storico dei Re Magi dall’Oriente all’Europa. Conversazione di Gerardo Monizza e Fabio Cani.  Ai saluti della responsabile della comunicazione  e di una delle proprietarie dell’albergo recentemente ristrutturato e aperto alle iniziative culturali della città, sono seguiti gli interventi di Gerardo Monizza (Re Magi. Andata e ritorno) e di Fabio Cani (Re Magi. A Milano e Como?) che hanno tratto spunto dalla rappresentazione dei Magi in San Fedele e dal volume Como e il viaggio dei Re Magi.

 

 

 

 

 

16 gennaio/ Per i ventanni de L’Odio serata speciale allo Spazio Gloria

lodioVenerdì 16 gennaio alle 21, lo Spazio Gloria di via Varesina 72 a Como propone una serata speciale per il ventesimo anno dall’uscita del folgorante film L’Odio di Mathieu Kassovitz. A seguire Dj set con i Beatbong Production. L’Odio venne premiato al Festival di Cannes nel 1995 per la miglior regia, vinse tre premi César nel 1996 (su undici nomination), miglior film, miglior montaggio, miglior produttore e due premi Lumière sempre nel 1996, miglior film e miglior regista. Inoltre fu premiato agli European Film Awards del 1995 come miglior film giovane. La trama narra una giornata in una delle tante banlieue parigine. Un giorno uguale a molti altri per l’ebreo Vinz, il maghrebino Said e il nero Hubert. Se non fosse che un loro amico, il sedicenne Abdel, è stato pestato dalla polizia in seguito agli scontri della notte precedente e adesso è sospeso tra la vita e la morte in ospedale. Durante i tumulti, Vinz ha trovato la pistola persa da un agente. Il ragazzo giura che la userà per vendicarsi, nel caso in cui Abdel muoia. Il Dj set a seguito del film sarà a cura di Beatbong crew, Cheeba, Robi from Kabul e Test1. Gli artisti spingono e collezionano musica black (stricly on vinyl) dal novanta, passione comune che li porta a presentare una selecta di funk, r&b, organic groove and hip hop. Ingresso 7 euro riservato ai soci Arci. Info arcixanadu@gmail.com

Arci/ Je suis Charlie!

jscL’Arci  condanna  il feroce attacco terroristico al giornale satirico parigino Charlie Hebdo, che ha portato all’uccisione di 12 persone e al ferimento grave di altre otto. Con una violenza inaudita si è voluta così colpire la libertà di espressione e di stampa.Tra le vittime compaiono celebri vignettisti e intellettuali noti a livello mondiale. Una perdita per tutto il mondo della cultura e del giornalismo. La matrice forse alqaedista o comunque legata all’Is dell’attentato mette in luce ancora una volta il pericolo che queste organizzazioni  costituiscono per la civile convivenza umana e per la pace. In nessun modo però bisogna cedere ad atteggiamenti islamofobi, che confondono l’islam con il terrorismo, alimentati dalla destra europea e italiana, che non fanno altro che alimentare un clima di intolleranza i cui frutti sono sempre drammatici.L’Arci si unisce al dolore e all’indignazione espressa dal mondo dell’informazione democratica e  parteciperà alla fiaccolata promossa dalla Fnsi e dall’associazione Art.21 alle 18 l’8 gennaio davanti all’ambasciata di Francia in Piazza Farnese a Roma. [Arci nazionale]

Sciacalli

amoreeodioMostruosi e terribili gli effetti dell’integralismo e delle guerre che insanguinano il pianeta. L’assurda discussione su quanto il giornale aveva pubblicato, che nasconde sempre l’inganno criminale di voler attribuite alle vittime colpe che sono solo e tutte degli assassini, trova anche esponenti lariani disposti a sostenerla. E già anche i razzisti nostrani sono pronti a trovare nuova linfa per rivendicare la purezza della razza. Sui corpi delle vittime si affollano gli sciacalli e gli avvoltoi, assassini quanto i terroristi e spesso mandanti del loro odio. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]

10 gennaio/ urla dal pianeta

2014_rota locandina_201412242 (1)Mettere in luce tutto ciò che nel pianeta non ha voce:persone, popoli, animali, natura da cui si leva l’urlo, efficace immagine della sofferenza e della volontà di riscatto.  Allo Spazio Ratti (ex chiesa di S. Francesco, via Spallino 1) sarà organizzata una mostra dello scultore canturino Ivano Rota. Sarà possibile visitare l’esposizione dal 10 al 30 gennaio. Inaugurazione prevista sabato 10 gennaio alle 17. Orari:da martedì a venerdì, 16-19; sabato e festivi, 10-12, 15.00-19.00. L’ingresso è libero. L’evento è organizzato con il patrocinio dei comuni di Como e Cantù e con la collaborazione di Cultura Animale e Coordinamento Comasco per la Pace

«La mostra “Urla dal pianeta” presenta una ricca selezione di sculture in legno dell’artista canturino Ivano Rota. La scelta delle opere in mostra nasce dalla volontà dell’artista di trovare una possibile risonanza al grande evento di Expo 2015, “Nutrire il pianeta”. L’artista, che crede nella capacità dell’arte di essere non solo occasione di piacere estetico ma forma efficace di denuncia, sente la responsabilità di mettere in luce tutto ciò che nel pianeta non ha voce: persone, popoli, animali, natura da cui si leva l’urlo, efficace immagine della sofferenza e della
volontà di riscatto.
Oltre il pessimismo che porta all’accettazione passiva del mondo che stiamo costruendo, lo sguardo di Rota sulla realtà invita a prendere coscienza dei mali di questo nostro tempo, guardarli in faccia per combatterli. Le sue figure, memori della passione per il Teatro che da decenni lo porta a girare l’Italia con i burattini del suo Teatro di figura, sono maschere che raccontano ciò che ci circonda con disincanto: il potere persuasivo della tecnologia, lo sfregio
della bellezza ferita nelle nostre città, la fame insaziabile del potere politico, l’incapacità di spirito critico assuefatto alle verità dei mass media, la fretta di giornate che passano convulse senza il tempo dedicato a ciò che conta, la natura consumata dall’avidità, panoramica di ciò che rende l’uomo meno uomo. Non esiste però prospettiva disperata, la mostra si conclude infatti con la triade “Nascita”, “Infinito”, “Pace a prescindere”. Urla ascoltate e accolte possono risolversi nella Speranza, impegno personale e comunitario.
La mostra si arricchisce della collaborazione del Coordinamento comasco per la pace che, in sintonia con i temi affrontati dalla mostra, proporrà un momento di riflessione sugli attuali conflitti e le loro origini, spesso meno apparenti.
Sarà presentente anche l’associazione “Cultura animale” di Como che presenterà “Animali: si salvi chi può” Slideshow su alcune specie animali presenti nelle liste rosse IUCN che rischiano oggi l’estinzione: L’enorme patrimonio di biodiversità che stiamo inesorabilmente perdendo.
Altra prestigiosa collaborazione è quella con il teatro artigiano di Cantù che presenterà nelle serate 23 e 24 gennaio l’ultima produzione “BAAL. Frammenti di leggenda del Dio di Ugarit”. La pièce, in tre atti, scritta e diretta da Sergio Porro, narra il mito di Baal, Dio della Tempesta nel pantheon delle divinità fenicie». [aq, ecoinformazioni]

La lista non basta

cernezzi2La lunghezza della lista delle cose realizzate dall’amministrazione Lucini non sembra intaccare la diffusa delusione dei tanti che avrebbero voluto un più deciso cambio di orizzonte e di metodo rispetto alle esperienze del centrodestra. Lo scritto di Luca Michelini, diffuso nella mailing list Democrazia economica, critica  la scarsa collegialità e persino comunicazione nella Giunta comasca e la sostanziale inesistenza delle forze politiche che la appoggiano. In tale situazione per Michelini la lista non è lo strumento giusto:  «Le cose fatte non sono inquadrate in un ragionamento politico, né, tanto meno, in una proposta di una visione della città». Si tratta di temi di decisiva importanza per la vita democratica della città ai quali la riunione delle forze politiche della maggioranza (segretissima ad Albate) di metà mandato non sembra aver dato risposte. Ecoinformazioni, con l’apertura delle sue pagine al dibattito e con la disponibilità a sviluppare iniziative che permettano di confrontare opinioni diverse, prima fra tutte quella dell’assessore Lorenzo Spallino ampiamente citato nel testo, vuole contribuire al reale cambio di passo nell’amministrare Como nella direzione della trasparenza dei fini e dei mezzi per realizzare  le tante innovazioni indispensabili. 

«La “lista” 

Il laborioso assessore all’urbanistica Lorenzo Spallino presenta le 94 cose “fatte” dalla giunta Lucini nel 2014 in questo modo: “E’ opinione diffusa che le giunte di centro destra ‘facciano’ e che quelle di centro sinistra passino il tempo a discutere. Discutere, non c’è dubbio, discutiamo. Quanto al fare, beh, capisco che possa dispiacere ma ‘il catalogo è questo’“. E rimanda ad una sorta di “lista della spesa”, che potete consultare cliccando qui. Sul proprio operato, infine, l’assessore rimanda ad una utile tabella, che si può consultare cliccando qui.

Ho avuto il piacere di ascoltare una sola volta l’assessore ad una riunione sulla politica urbanistica richiesta dalle forze politiche che sostengono Lucini. Ne ho maturato alcune impressioni, che provo a riassumere.

Il linguaggio di Spallino è molto tecnico, rapido, rapsodico, saccente, ricco di un bagaglio di informazioni consaputamente non condivise, involuto. Si tratta di un linguaggio incomprensibile, come si dice oggi, dal punto di vista della narrazione che propone, e privo di sfumature dialettiche. L’assessore, cioè, governa e decide, domina il quadro normativo (che plasma la sua forma mentis), ma non è abituato a discutere, anche se ascolta e valuta nel merito ciò che l’interlocutore tenta di argomentare. Discute solo con chi dimostra di avere la preparazione tecnica necessaria e a quel punto, probabilmente, si diverte anche.

La presentazione della “lista”, insomma, non è che diretta conseguenza di quanto esposto: le cose fatte non sono inquadrate in un ragionamento politico, né, tanto meno, in una proposta di una visione della città. Visione, per altro, che l’assessore deve senz’altro avere, visto l’insistenza che caratterizza la sua azione per l’estensione della cosiddetta Ztl.

L’assessore non è solo un tecnico, insomma, perché per formazione (famigliare e professionale) ha idee molto precise sulla città. Deve essere tra i pochissimi assessori che dominano la macchina amministrativa e non ne sono dominati. Infatti ha voluto rendere gli uffici dinamici, efficienti e trasparenti: ha reso pubblici importanti documenti urbanistici.

Insomma: un vero e proprio punto di forza per il sindaco Lucini.

Della riunione a cui presenziai ciò che più mi colpì era la sostanziale impreparazione della maggior parte dei cittadini-politici presenti a quella riunione, digiuni di tutto ciò che l’assessore snocciolava e tentava di proporre come agenda politica.

L’assessore, dunque, domina anche il Consiglio comunale. Non può dunque sorprendere che sia sempre più diventato l’interlocutore diretto di coloro che hanno proposte urbanistiche su e per la città.

In questa giunta, dunque, non si discute affatto: perché per discutere è necessario conoscere, analizzare, riflettere, sul piano personale e politico. E di conoscenza se ne produce pochissima.

Le informazioni rese disponibili dall’assessore non costituiscono la base per la creazione di una vera opinione pubblica: non mi risulta che i partiti o le liste civiche esistenti abbiano prodotto analisi e proposte sulla base di queste informazioni.

Né mi risulta che coloro che hanno sgomitato per dirigere la macchina politica cittadina entrando in consiglio comunale o proponendosi come dirigenti politici, producano cultura di governo.

Il dirigismo di cui la giunta Lucini è rimproverata è, dunque, diretta conseguenza del fatto che non esistono forze politiche seriamente organizzate.

La “lista” è un “catalogo”, come scrive l’assessore: nulla racconta della vita cittadina, non rimanda alla gravissima crisi edilizia ed abitativa in corso (ormai da anni), non offe alcun profilo delle idee politiche e sociali che hanno guidato le scelte compiute (i singoli punti della lista). La vita dell’amministrazione cittadina si presenta completamente separata da quella dei cittadini. I quali, se proprio hanno dei bisogni inevasi, potranno proporre agli uffici competenti altrettante “liste” dei desideri (Comozero ne ha dato un esempio: clicca qui).

A livello locale, come a livello nazionale, ormai conta soltanto il rapporto tra l’individuo e il potere (comunque) costituito». [Luca Michelini da Democrazia economica]

A Tremezzo la commemorazione di Teresio Olivelli

Per iniziativa della parrocchia e dell’ANPI si tiene come di consueto a gennaio l’annuale commemorazione del Servo di Dio Teresio Olivelli, in prossimità delle date di nascita e di morte di questo giovane in attesa di beatificazione che già molti chiamano “il Beato dalla Penna Nera”. Rispetto agli anni scorsi in cui si celebrava la terza domenica di gennaio, si è voluto tornare ora alla data originaria della seconda domenica di gennaio, dunque il giorno 11, per evitare la concomitanza con la sentita festa di sant’Antonio Abate a Griante (Tremezzo e Griante hanno un solo parroco) e con un programma leggermente modificato per una maggiore solennità e per ampliare la partecipazione.

Ecco dunque il programma della giornata:
ritrovo alle 10.45 sul sagrato della chiesa parrocchiale di San Lorenzo

ore 11.00 in chiesa S.Messa, al termine recita della Preghiera per la Beatificazione e verrà quindi fatto brevemente il punto sull’iter della causa di beatificazione, tuttora al vaglio della Congregazione per le Cause dei Santi a Roma; sarà particolarmente gradita la partecipazione degli Alpini con i
labari e i loro canti di montagna; quindi corteo in uscita dalla chiesa fino al vicino monumento a Olivelli, dove avrà luogo la commemorazione anche civile, con discorsi delle autorità comunali e delle rappresentanze militari, posa di corone, lettura della “Preghiera del Ribelle” composta da Olivelli
durante la latitanza e benedizione da parte del parroco don Luca Giansante.

Giova ricordare che la cerimonia costituirà soltanto l’apertura di un anno di eventi per commemorare il giovane martire della carità, eventi in fase di definizione che comprenderanno ad esempio la ripulitura del monumento a lui dedicato, opera dell’accademico Cassina.  Infatti ricorre nel 2015 il settantesimo della morte (17 gennaio 1945) mentre cadrà il prossimo gennaio il centenario della nascita (7 gennaio 1916).

Analoghe iniziative sono già in corso nella Diocesi di Vigevano, di cui la famiglia era originaria e da cui ha avuto avvio circa trent’anni or sono la causa di beatificazione del giovane Teresio: nativo di Bellagio e nipote dell’allora arciprete di Tremezzo don Rocco Invernizzi, fu studente modello, grande sportivo, attivista convinto dell’Azione Cattolica, quindi volontario in Russia dove come ufficiale Alpino si adoperò per i compagni durante la disastrosa ritirata; al rientro in patria si unì alla Resistenza fondando tra l’altro il giornale clandestino “Il Ribelle”, fino all’arresto, alla deportazione in Germania e alla tragica morte nel lager di Hersbruck, ammazzato di botte per i suoi continui interventi in aiuto e in difesa dei compagni di prigionia.  Lo si ricorda anche come autore della Preghiera dell’Alpino e della Preghiera del Ribelle (“Signore facci liberi”) adottata dalle formazioni partigiane.

[Gigliola Foglia]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: