Aria tossica/ Inquinamento insensibile alle chiacchiere

polveri sottili 21 gennaio

22gennaio inquinamentoCome tutti prevedevano e nell’assoluta mancanza di qualsiasi intervento da parte delle istituzioni e anche da parte dei cittadini e delle cittadine, l’inquinamento dell’aria preoccupa in alcuni giorni e spaventa in altri. Costantemente fa male alla salute. I dati dell’Arpa degli ultimi giorni, dopo una breve pausa con livelli di inquinamento minori, sono in salita e la nostra efficienza respiratoria è conseguentemente in discesa. Purtroppo è possibile prevedere che domani nulla accadrà e che non verranno presi né provvedimenti strutturali (gratuità dei servizi pubblici, riduzione della velocità in tutta la rete stradale urbana, investimenti nei trasporti pubblici, incentivi ulteriori per caldaie a maggiore efficienza, blocco della vendita dei combustibili più inquinanti, …), né quelli emergenziali (blocco degli edifici pubblici più inquinanti, blocco del traffico, controlli sulle temperature negli uffici e nelle abitazioni, gratuità dei trasporti pubblici, …)  e neppure i cittadini e  le cittadine faranno nulla per evitare danni gravi e persistenti alla propria saluta cambiando abitudini autolesionistiche. Intanto l’Arpa inesorabilmente monitora il dramma dei nostri alveoli e non solo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: