A cosa pensa Mario Lucini

luciniIl sindaco di Como risponde su fb alle critiche che gli sono state fatte da alcuni volontari impegnati nella solidarietà ai migranti. Nel post “A cosa penso?”, che pubblichiamo integralmente nel seguito, Mario Lucini preferisce non ribattere punto su punto, invita all’unità di coloro che hanno a cuore gli interessi dei migranti e afferma: «Cosa ha fatto il Comune in questi mesi  lo sanno anche i rappresentanti delle associazioni e molti cittadini che hanno meritoriamente donato il loro tempo per questo scopo».

«A cosa penso?
Penso che chi ha davvero a cuore il destino dei migranti presenti sul nostro territorio e della nostra città sappia che, in questo momento, non c’è nulla di più sbagliato dell’alimentare un clima di divisione tra chi si sta impegnando per affrontare questa sfida.
Io la penso così, anche a costo di ingoiare indignazione ed amarezze. Io so cosa ho fatto in questi mesi, so cosa ha fatto il Comune in questi mesi e lo sanno anche i rappresentanti delle associazioni e molti cittadini che hanno meritoriamente donato il loro tempo per questo scopo.
Se qualcuno di loro, pur sapendolo, ha deciso di far circolare informazioni diverse è un problema che lascio alle loro coscienze.
Io non ritengo utile fare elenchi o resoconti; non sono alla ricerca di medaglie da appuntarmi sul petto.
Penso che il mio dovere sia quello di continuare a fare il mio lavoro, con il massimo senso di responsabilità di cui sono capace, nell’interesse dei migranti e degli altri 85.000 abitanti di Como». [Mario Lucini, da fb]

1 thought on “A cosa pensa Mario Lucini

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: