Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 347.3674825, ecoinformazionicomo@gmail.com

L’Italia e la pace: sul territorio nazionale anche le bombe atomiche

PeaceLink e Pax Christi hanno diffuso un importante articolo che approfondisce la questione, sollevata da anni, della presenza sul territorio nazionale di bombe nucleari, utilizzabili in eventuali conflitti. Lo riportiamo integralmente di seguito.

Risultati immagini per disarmo nucleare

«Nuove bombe atomiche per l’Aerobase di Ghedi? Un riscontro ora c’è, timbrato e protocollato, anche se in 50 anni nessun governo italiano ha mai ammesso ufficialmente una presenza nucleare, passata, presente o futura, nell’installazione militare della Bassa bresciana. Basta consultare il sito istituzionale del ministero della Difesa per trovare un atto amministrativo, apparentemente banale, che ha tutta l’aria di costituire la prima prova documentale della funzione “Dual Capable” dei Tornado del 6° Stormo. Cioè della loro capacità di portare non solo bombe convenzionali, ma anche ordigni nucleari. Una capacità non solo teorica: sul tavolo del ministero c’è da mesi un progetto da 30 milioni di euro per aggiornare questa capacità, per adeguare i Tornado alla nuova versione delle famose B61, denominata B61/12 LEP, di cui sta per iniziare la produzione negli Stati Uniti per sostituire le vecchie bombe Nato.

Il documento è datato 20 giugno 2018, prevede una spesa di 29 milioni e 875 mila euro in due tranche annuali, e vale la pena di esaminarne il testo. “Programma Tornado, Capacità aerea non convenzionale (Dca)». Questo è il titolo e dice già molto. «Scopo del contratto – è scritto – è l’acquisizione di supporto ingegneristico industriale e sviluppo software per l’integrazione sul velivolo Tornado dell’armamento Lep”. Un po’ di terminologia. Nel glossario ufficiale della Nato, quella capacità non convenzionale “Dca” significa esattamente “Dual capability aircraft”, ovvero la capacità di un aereo di avere un doppio possibile impiego: quello convenzionale e quello nucleare. Quanto a quel termine, “armamento Lep”, ha tutta l’aria di fare riferimento al programma “Life Extension Program” con il quale viene denominata, anche dall’Amministrazione americana, la realizzazione di una nuova versione della bomba B61: precisamente la B61/12 Lep.

C’è un lato ironico in tutto questo: un segreto sul quale da decenni non si riesce ad avere conferme ufficiali, con ministri della Difesa che rifiutavano sistematicamente di rispondere alle tantissime interrogazioni parlamentari sulla presenza di atomiche a Ghedi trova adesso, se non la prova, almeno un pesante indizio in un banale atto amministrativo. Pubblicato all’albo e sul sito del ministero, ed è qui l’ironia, alla voce “Amministrazione trasparente”, la sezione dove vengono riportati i contratti o le richieste di acquisizione. Il programma di “Capacità non convenzionale” viene poi riconfermato in un altro atto presente all’albo ministeriale: la tabella della “Programmazione biennale acquisti beni e servizi” pubblicata il 27 giugno 2018, che suddivide la previsione di spesa in due tranche annuali per importi di 13 milioni e 70 mila euro e 16 milioni 805 mila. Sono solo previsioni, spesa teorica, si vedrà. Ma il progetto è nero su bianco.»

[Valentino Rodolfi, BresciaOggi]

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 Gennaio 2019 da in Pace.

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

COOKIES/ Informativa per i lettori

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei social plugin. Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione anche semplicemente scrollando si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca sull'immagine per leggere l'informativa sui cookies.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: