Ex Sant’Anna: subito acqua sul fuoco

Il Comunicato dell’Asst Lariana, scritto in burocratese, rinvia  “ai livelli istituzionali competenti” la valutazione sull’apertura di 70 posti letto in via Napoleona. La proposta non può cadere nel vuoto, è necessario premere in ogni forma possibile affinché si proceda senza indugio!

Emergenza Coronavirus: dichiarazione del direttore generale di Asst Lariana sull’utilizzo di strutture all’interno dell’ex ospedale Sant’Anna

“In questi ultimi tempi siamo stati sollecitati da più parti, attori istituzionali, protagonisti di rilievo e di diversa estrazione politica, a prendere in esame l’utilizzo di strutture collocate all’interno del compendio del vecchio ospedale Sant’Anna al fine di renderle disponibili per l’emergenza Covid.

Abbiamo immediatamente escluso di poterle dedicare al ricovero di pazienti acuti perché ciò necessiterebbe di investimenti attualmente insostenibili, dotazioni organiche e strumentazioni complesse, pertanto potranno essere destinate all’accoglienza di pazienti a cui viene indicata una permanenza a casa per limitazioni nazionali, in isolamento domiciliare fiduciario o obbligatorio posti nelle condizioni di non poterlo realizzare efficacemente al proprio domicilio.

E’ stata fatta dagli uffici competenti una iniziale preliminare valutazione che potrebbe contemplare, previa la realizzazione di interventi manutentivi privi di carattere di straordinarietà, l’utilizzo di tre edifici in grado di ospitare complessivamente 70 soggetti circa, sospetti Covid, Covid positivi o negativizzati in attesa di conferma della negatività, necessitanti di un livello assistenziale di bassa soglia, seguiti, nelle modalità espresse dalle indicazioni regionali, dal Medico di Medicina Generale e dall’ATS.

Qualora questa disponibilità della ASST Lariana, per la durata dell’emergenza in atto, intenda essere accolta si ritiene essenziale una attenta valutazione dell’ATS in ordine ai criteri di inclusione degli ospiti nelle tre aree identificate, che consentirebbero, peraltro, una separazione di pazienti Covid positivi da quelli in osservazione.

E’ di tutta evidenza che ASST Lariana, fortemente impegnata a garantire un elevato profilo clinico-assistenziale ai sempre più numerosi pazienti acuti e critici, rimane estranea, per finalità istituzionali, agli scopi di natura prevalentemente custodialistica sopra descritti, e non è contemplabile possa essere coinvolta in alcun modo nel garantire ambiti assistenziali, supporti alimentari e tutto ciò possa essere utile a garantire una domiciliarizzazione protetta, ad eccezione della messa a disposizione alla comunità comasca degli edifici ubicati nel compendio del vecchio Sant’Anna.

Nel rinviare la valutazione di questa disponibilità dell’ASST Lariana ai livelli istituzionali competenti, rimaniamo a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento”.

Fabio Banfi, direttore generale di Asst Lariana

1 thought on “Ex Sant’Anna: subito acqua sul fuoco

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: