Anpi Como/ In comune senza odio/ Noi non siamo complici

«Lunedì scorso al Consiglio Comunale di Como è stata portata, per l’approvazione, una delibera di indirizzo contro razzismo e xenofobia, primo firmatario il consigliere Magatti, e sorpresa nella sorpresa la delibera non è stata approvata da parte della maggioranza, ma anche dalla lista Rapinese. Già è grave dover ricordare agli amministratori comaschi che vige in Italia una Costituzione antifascista che è contro l’odio razziale ancora più grave è prendere atto che a Como per gli amministratori il razzismo e la xenofobia siano un problema marginale». Queste le parole di Antonio Proietto, presidente dell’Anpi provinciale comasca, nel descrivere gli eventi che hanno portato alla redazione del documento sotto riportato Noi non siamo complici, che chiede rispetto e attuazione della Costituzione Repubblicana alle istituzioni.


«Per un brevissimo attimo abbiamo creduto che potesse davvero succedere.
Abbiamo creduto che parlare di odio, razzismo e xenofobia, fosse un argomento che non potesse far altro che trovare un’ampia maggioranza in Consiglio Comunale a Como.
Così non è stato.
La delibera “in comune senza odio” a Como è stata respinta lunedì sera in Consiglio comunale.
Prendiamo atto che la maggioranza del consiglieri reputa, citando le parole di Ferretti (Fratelli d’Italia) che l’odio, del razzismo e della xenofobia siano “un problema marginale per una cittadina come Como”.
Niente di più falso. Gli effetti delle cattive politiche di questa amministrazione testimoniano come esiste un atto, cosciente e volontario, nell’esercizio del rimarcare le diversità. Le stesse diversità che diventano odio, razzismo e xenofobia perché, politici compiacenti, ne intravedono spazi di opportunismo politico e consenso. Troppe volte abbiamo tollerato questi atteggiamenti o forse non li abbiamo combattuti a sufficienza.
Li ricordiamo i cartelli apparsi sui negozi gestiti da cinesi all’inizio dell’emergenza Covid-19?
Il negazionismo non è mai una via.
Taluni consiglieri dovrebbero spiegare, oggi, perché ‘coltivare la memoria dell’antifascismo’ sia un problema. Vorremmo ricordare loro che possono sedersi in quel Consiglio Comunale ed esprimere le loro opinioni in modo libero solo grazie allo sforzo e al sacrificio di tanti italiani che hanno dato il loro tempo, il loro impegno e la loro vita a tutti quanti noi. Vorremo ricordare loro che l’antifascismo è pervasivo fondamento della nostra Costituzione. Chi, oggi, pensa che l’antifascismo sia una parola da eliminare, come la sua memoria, è negazionista di quella stessa libertà che gli permette di esprimere tale giudizio così impietoso. E le riportiamo, per dovere di cronaca, le parole del consigliere De Santis (Fratelli d’Italia) di lunedì scorso quando afferma che “sarebbe opportuno chiudere questa pagina, chiudere quel retaggio e destinarlo alla storia”.
Dobbiamo dirlo a gran voce.
Destinare alla storia chi siamo è negare il nostro passato che vive e pulsa, ancora oggi, nella Costituzione Italiana.
Ogni silenzio è complice, ogni indifferenza è colpevole.
La mancata approvazione di questa delibera smaschera coloro voglio che Como e i suoi cittadini siano schiavi del pregiudizio e dell’odio e lo strumentalizzano facendolo diventare architrave della peggiore politica che Como abbia mai visto.
Como non si merita questo e noi non rimarremo più complici. #noinonsiamocomplici». [Anpi Como]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: