Antirazzismo

29 maggio/ Giustizia per Musa Balde

La Comune di Como organizza per sabato 29 maggio alle 16,00 un presidio in Largo Miglio per chiedere giustizia per la morte di Musa Balde nel Cpr di Torino. Al presidio aderiscono anche la rete Como senza frontiere e Como accoglie.

(altro…)

Oltre i limiti dell’indecenza

Salvini dichiara che il 24 dicembre porterà latte e coperte alle persone in stato di marginalità: chieda scusa al paese per l’arroganza con la quale si prende gioco dell’intelligenza delle persone. Fabrizio Baggi, alla notizia dell’ultima bravata annunciata dal capitano della Lega, indignato ha scritto per il Prc una presa di posizione articolata per censurare l’esponente dell’estrema destra e anche i suoi sodali comaschi.

(altro…)

ecoinformazioni on air/ Scancellata

Il servizio di Gianpaolo Rosso nell’edizione delle 19,45 di Metroregione di Radio popolare del 13 ottobre. Non si farà la cancellata per impedire ai senza dimora di  dormire nel portico dell’ex chiesa di San Francesco a Como. Al Consiglio comunale non è passata la mozione della Lega che ha raccolto solo l’adesione della lista Rapinese, una formazione di destra spesso in accordo con le trovate xenofobe del carroccio. Ma la maggioranza non si spacca del tutto: la lista di Landriscina e il sindaco stesso si astengono, combattuti tra l’impopolarità della proposta, soprattutto dopo la morte di don Roberto Malgesini, e la necessità di non scontentare il partito che è egemone nelle scelte della Giunta.

(altro…)

Anpi Como/ In comune senza odio/ Noi non siamo complici

«Lunedì scorso al Consiglio Comunale di Como è stata portata, per l’approvazione, una delibera di indirizzo contro razzismo e xenofobia, primo firmatario il consigliere Magatti, e sorpresa nella sorpresa la delibera non è stata approvata da parte della maggioranza, ma anche dalla lista Rapinese. Già è grave dover ricordare agli amministratori comaschi che vige in Italia una Costituzione antifascista che è contro l’odio razziale ancora più grave è prendere atto che a Como per gli amministratori il razzismo e la xenofobia siano un problema marginale». Queste le parole di Antonio Proietto, presidente dell’Anpi provinciale comasca, nel descrivere gli eventi che hanno portato alla redazione del documento sotto riportato Noi non siamo complici, che chiede rispetto e attuazione della Costituzione Repubblicana alle istituzioni.

(altro…)

30 aprile/ Arciwebtv/ Insieme per i diritti di tutti

Dalle 17/ 25 aprile tutto l’anno: dagli archivi ecoinformazioni riproponiamo l’incontro Insieme per i diritti di tutti del 30 settembre 2018. Come a Milano il 30 settembre per Intolleranza zero, anche a Como la grande forza culturale, sociale e politica delle organizzazioni sindacali e dell’attivismo sociale trova piena unità d’azione per la Pace, i diritti di tutte e di tutti attaccati dalla regressione civile animata dal governo con provvedimenti razzisti, dettati dall’estremismo nero, contro i poveri. Leggi l’articolo su ecoinformazioni.

Gli altri programmi del 30 aprile.

La programmazione completa di Arci Como WebTV.

Inverigo esprime solidarietà a Liliana Segre

Nella serata di mercoledì 27 novembre, in chiusura di una sessione dove sono stati affrontati una serie di punti di “ordinaria amministrazione” ed il piano di Diritto allo Studio, il Consiglio Comunale di Inverigo ha votato una mozione su un tema che ha purtroppo assunto una rilevanza nazionale.

I consiglieri Mario Canzi (capogruppo di maggioranza) e Alessandra Trevisani (assessora all’istruzione) hanno infatti presentato al Consiglio una mozione di solidarietà e plauso alla Senatrice Liliana Segre. Va ricordato che la Senatrice a vita ha un legame con Inverigo, dal momento che i suoi nonni Giuseppe Segre e Olga Loewy furono arrestati nel maggio del 1944 nella casa dove erano sfollati, tuttora esistente e sita in prossimità del municipio, per essere deportati ad Auschwitz dove morirono.

Illustrata dallo stesso Canzi, la mozione parte ovviamente col ricordare il clima di odio che ha costretto all’assegnazione di una scorta alla stessa Segre, per arrivare testualmente a:

  • Esprimere ferma condanna per gli insulti rivolti alla Senatrice Liliana Segre confermando la propria avversione a ogni atteggiamento e azione che richiami a comportamenti di odio antisemiti e razzisti;
  • Manifestare alla Senatrice Liliana Segre la piena solidarietà, insieme al riconoscimento del suo impegno in difesa della libertà, del rispetto delle minoranze, dei più alti valori etici, morali, civili e contro il razzismo e l’antisemitismo;
  • Accogliere e applaudire favorevolmente l’istituzione della Commissione per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza;

Dopo una breve discussione, in cui i consiglieri di minoranza di Inverigo in Movimento hanno chiesto ed ottenuto l’inserimento di un passaggio in cui si ricordasse che la Segre ha portato in passato la sua testimonianza anche nella sala consiliare di Inverigo (ai tempi in cui il capogruppo Bartesaghi era sindaco), e l’altro gruppo Per Inverigo ha espresso dissenso rispetto all’apprezzamento riportato nel testo verso la Commissione di contrasto al razzismo (ovviamente considerata una manovra politica), la mozione è comunque stata approvata all’unanimità dei presenti.

Intimidazione fascista/ Sinistra italiana con Fabrizio Baggi

Sinistra italiana solidale con Fabrizio Baggi. “Il coordinamento provinciale di Como di Sinistra Italiana esprime tutta la sua solidarietà e la sua vicinanza al compagno Fabrizio Baggi, oggetto di tre lettere di minacce volgari e deliranti.

Chiunque conosca Fabrizio Baggi non può non riconoscergli una passione e un disinteresse non comuni nella difesa del Bene Comune e nella promozione dei diritti dei più deboli. Per questo appaiono ancora più vili le invettive a lui indirizzate, frutto purtroppo di una pseudo cultura razzista e neofascista che si va diffondendo nel corpo del paese.Auspicando che le autorità competenti possano al più presto individuare gli autori di questo atto, esprimiamo tutto il nostro affetto a Fabrizio con una esortazione a non lasciarsi intimidire e a proseguire nella sua attività a favore dei più deboli e degli oppressi”. [Il Coordinamento provinciale di Como di Sinistra Italiana].

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: