Braga/ A fianco di Csf

La parlamentare del pd Chiara Braga che già svolse un importante ruolo perché fosse unitaria la manifestazione nazionale del 9 dicembre 2017, indetta all’indomani dell’irruzione fascista, si dichiara a fianco di associazioni, partiti, cittadine e cittadine a sostegno di Como senza frontiere che ha animato il 9 novembre una presenza democratica in occasione dell’udienza al processo ai responsabili.

«Dalla parte dei valori fondanti della nostra democrazia contro gli atti di violenza fascista e razzismo che hanno sporcato la nostra città. Anche se non presente fisicamente sono al fianco di associazioni, partiti, cittadine e cittadine a sostegno di Como senza Frontiere nel processo contro gli atti di violenza fascista e razzismo che hanno sporcato la nostra città. È importante che il processo, dopo diversi rinvii, inizi e si svolga come prevede la legge, senza ulteriori ritardi. La presenza oggi delle forze sociali e politiche, oltre che dei cittadini, è un presidio a tutela dei valori fondanti della nostra democrazia e per questo riguarda tutti e tutte noi”. Lo fa sapere in una nota la deputata comasca del Partito Democratico, Chiara Braga, in occasione dell’udienza del processo che, dopo diversi rinvii, prende il via oggi presso il tribunale di Como e che vede tredici indagati per l’irruzione di skinhead, avvenuta il 28 novembre del 2017 durante una riunione dei volontari della rete Como senza frontiere nel Chiostrino di Sant’Eufemia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: