Limbiate/ Omaggio commosso all’ambasciatore Attanasio

Come omaggio a un anno dall’attentato in cui hanno perso la vita Luca Attanasio, Vittorio Iacovacci e Mustapha Milambo a Goma (RdC), il comune di Limbiate ha organizzato il 21 febbraio un’iniziativa in ricordo dell’ambasciatore, cresciuto proprio nella città brianzola. Una serata ricca di interventi e di spunti per onorare un portatore di pace e un esempio di umanità e buona diplomazia nel mondo.

«Una serata luminosa, piena di luce e non triste», questo l’obiettivo dell’omaggio di Limbiate nelle parole di Antonella Napoli, che ha condotto l’incontro in un teatro pieno. Tanti sono stati gli interventi di chi conosceva Luca per i motivi più diversi. A introdurre l’incontro i saluti del sindaco di Limbiate Antonio Romeo, che ha ringraziato la partecipazione dei presenti e definito Luca «un ragazzo di peso, ma leggero».

Fabio Marchese Ragona, vaticanista, ha parlato della biografia dal titolo Luca Attanasio. Storia di un ambasciatore di Pace che è riuscito a scrivere grazie alla famiglia di Luca, agli amici, e a quanti hanno condiviso il ricordo dell’ambasciatore e della persona presenti in sala e poi intervenuti.

E proprio della persona, dell’amico, si è parlato con l’ausilio di alcune immagini video di un Luca Attanasio giovanissimo in viaggio con gli amici stretti, saliti sul palco per raccontare aneddoti e situazioni divertenti di un ragazzo che metteva i libri e lo studio sempre al primo posto.

Mauro Parmisani, giornalista, ha letto poi le parole di Luca Attanasio contenute nel libro di Ragona, parole di una lettera scritta da Luca a sé stesso negli anni 2000, a 23 anni.

Nella seconda parte della serata si è parlato invece del Luca più adulto: prima con il professore Luigi Carena, che lo ha aiutato per un anno a preparare l’esame di linguistica francese per il concorso diplomatico; poi ancora attraverso le immagini video dei suoi discorsi, della sua opera e della sua carriera soprattutto in Repubblica Democratica del Congo.

Per parlare delle missioni di Luca, dal Marocco al Congo, sono stati invitati sul palco anche colleghi e collaboratori stretti che hanno raccontato altri aneddoti sul suo lavoro e sulla sua umanità. La sua figura di ambasciatore di pace è risuonata poi anche attraverso le parole di Mauro Battocchi, ambasciatore italiano in Cile.

È intervenuto poi padre Pietro Rinaldi, missionario Saveriano, che ha conosciuto Luca a Kinshasa, raccontando del suo operato a fianco proprio dei missionari e di quanto anche lui si sentisse in qualche modo missionario. Mandato a Kinshasa per costruire un modo di agire diverso. Rinaldi ha testimoniato quanto anche il Congo stia piangendo la sua scomparsa.

L’ambasciatore Renato Varriale e il presidente del sindacato dei diplomatici hanno ricordato la figura diplomatica e l’operato di rappresentanza dell’ambasciatore Attanasio e della sua capacità di saper parlare a tutti, e in particolar modo anche alle imprese, riuscendo a capire sempre il desiderio di chi si rivolgeva all’ambasciata.

Nella parte finale Zakia Seddiki, moglie di Luca Attanasio, è intervenuta per ringraziare le persone intervenute a questa serata e quelle che hanno contribuito alla realizzazione del libro. Seddiki ha parlato delle quattordici associazioni italiane che stanno portando avanti opere di solidarietà e supporto alla popolazione in Congo con azioni concrete così come faceva lui. Con il sostegno a distanza e con il “fare sistema”, fare rete con l’Italia. Un video di Marco De Castro ha portato una ulteriore testimonianza dell’opera di queste associazioni in Congo e soprattutto dell’associazione Mama Sofia.

Il sindaco di Limbiate ha annunciato un progetto di ristrutturazione insieme al Politecnico di Milano di Villa Medolago, rinominata Villa Attanasio e che dovrà diventare un polo culturale aperto a tutti. Ha concluso la serata, dopo i ringraziamenti di Antonella Napoli, un piccolo concerto sinfonico.

Una serata che è stata come dall’auspicio iniziale luminosa anche nella tristezza della perdita. Di commovente ma anche leggera gratitudine.

Qui il video completo della serata [Daniele Molteni, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: