L’ambientalismo contro i cannoni prende quota

Monte San Primo – Alpe di Borgo domenica 11 dicembre, la mobilitazione contro il folle progetto che vuole distruggere il San Primo schierando cannoni per la neve prende quota. Un risultato di presenze che è andato al di là di ogni più rosea previsione, tantissime persone (circa 200) e i rappresentanti di molte delle 25 associazioni che si stanno muovendo per valorizzare il nostro territorio montano, le nostre Prealpi, in un modo differente e non invasivo. Un turismo dolce, un modo di vivere la Montagna a bassa quota che tenga conto dei cambiamenti climatici, di quello che da oltre vent’anni (molti di più a dire il vero) sta succedendo.

Grazie a tutte le persone che hanno partecipato all’evento malgrado il vento, che poi si è calmato, e un discreto freddo. Molto bello vedere alcune famiglie che, nei dintorni, facevano giocare i loro figli sulla poca neve con il bob. Grazie [Nicola Nick Vicini per ecoinformazioni]

[Foto di copertina © Nicola Vicini foto 2022]

Guarda il video.

Grande partecipazione alla Camminata ‘Suoni, voci e visioni del San Primo’, tenutasi nella giornata di ieri, domenica 11 dicembre.

Circa 300 persone hanno partecipato alla manifestazione per ribadire il ‘no’ al progetto che prevede nuovi impianti sciistici sulle pendici del monte del Triangolo Lariano

 
L’evento è stato organizzato dal Coordinamento ‘Salviamo il Monte San Primo’, ormai formato da ben 25 associazioni. La protesta degli ambientalisti, rivendicata nel corso della manifestazione, è rivolta ancora una volta alle Istituzioni interessate, ovvero Comunità Montana Triangolo Lariano e Comune di Bellagio, a cui gli organizzatori hanno ribadito la richiesta di rinunciare al pessimo progetto o, almeno, di stralciare le opere che riguardano i nuovi impianti sciistici, previsti appunto dal piano che prevede l’utilizzo di ben 5 milioni di euro di fondi pubblici.

 
Le richieste degli ambientalisti sono state supportate dalla grande partecipazione di ieri all’Alpe Borgo. 
Grande soddisfazione da parte degli organizzatori, che programmeranno nuove iniziative di protesta e sensibilizzazione, fino a quando il progetto non sarà ritirato o rivisto.

 
L’iniziativa di ieri è stata allietata dell’esibizione di alcuni artisti: gli attori Christian Poggioni e Lorenzo Volpi Lutteri, che hanno recitato alcuni brani sulla tutela delle montagne, e la violoncellista Irina Solinas.

In allegato alcune foto della Camminata del 11 dicembre.

Coordinamento SALVIAMO IL MONTE SAN PRIMO

–        Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, –  WWF Lombardia (e sezioni WWF Insubria), – CAI Lombardia, –        CrTAM Lombardia, – Mountain Wilderness Italia, –  Fridays for Future – Como e Cantù, –        Gruppo Naturalistico della Brianza, –  Comitato Parco Groane-Brughiera –         Legambiente (Coordinam. Province di Como e Lecco, Circoli di: Como, Cantù, Erbese, Lario Orientale, Lecco, Primalpe, Valle Intelvi) –  LIPU Como –  Comitato Bevere, –  Associaz. Monte di Brianza –         CROS (Centro Ricerche Ornitologiche Scanagatta) –   Associaz. Testa di Rapa  – I tetragonauti–   Associaz. Territori –  Gruppo Difesa Natura Suello –  Emmaus Erba –  Lake Pusiano eco team –  Civiltà contadina – sez. Vallassina –  Cgil di Como –  Gruppo ‘Camminare fa bene & diverte’ –   Trekking Italia – sez. Lombardia, –   Arci provinciale Como –  Enpa Como,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: