Andrea Bonavita

22 maggio/ Ricerche sugli Odescalchi

odescalchi a comoConferenza di Andrea Bonavita, Marco Leoni e Paolo Vanoli sul tema Arte barocca per un Papa comasco – Ricerche sugli Odescalchi raccontate da Cantù, giovedì 22 maggio alle 21 a Villa Calvi a Cantù.

 

«Recenti ricerche d’archivio intraprese in occasione delle celebrazioni per il IV centenario della nascita del papa comasco Innocenzo XI Odescalchi (1611-1689) hanno in gran parte ridisegnato il panorama degli artisti operanti sul territorio negli anni del suo pontificato (1676-1689) – precisa la presentazione –. Alcuni degli architetti, degli scultori e dei pittori impegnati in questa felice stagione di arte barocca intrecciano le loro carriere anche con i più importanti cantieri della Cantù di secondo Seicento. In un continuo rimando tra Como, Milano e la realtà canturina, si presenteranno i protagonisti di quegli anni, i luoghi della produzione artistica e le testimonianze più significative ancora oggi presenti in città e sul territorio». [md, ecoinformazioni]

Visita a Palazzo Odescalchi

palazzo erba odescalchiSabato 22 febbraio alle 17 la sede della Biblioteca comunale, in piazzetta Venosto Lucati, sarà visitabile per una visita guidata (17.15) seguita da una conferenza (17.30/45) sulla storia dell’edificio con gli Andrea Bonavita e Marco Leoni, ultimo appuntamento per festeggiare i 350 di attività.

«Gli architetti Andrea Bonavita e Marco Leoni, che recentemente hanno pubblicato studi sulle residenze Odescalchi nella città e nella provincia di Como, condurranno una breve visita guidata nella Biblioteca comunale, alla ricerca delle tracce dell’antico palazzo appartenuto alla famiglia di papa Innocenzo XI – precisa una nota –. Seguirà una conferenza ospitata in uno degli antichi ambienti della Biblioteca, la sala studio al piano terra: con l’ausilio di proiezioni, verrà illustrata la storia del palazzo, con particolare riferimento alle vicende del XVII secolo, momento di massimo splendore. Lo scopo è ripercorrere la storia di questa importante istituzione culturale comasca, concentrandosi su alcuni snodi e temi principali, quali le preesistenze medievali, gli ampliamenti, la costruzione del portale su via Volta e la descrizione degli ambienti e degli arredi interni, tramandati dagli inventari dell’epoca» (per cenni sulla storia del palazzo clicca qui.

Per informazioni tel. 031.252850, e-mail biblioteca@comune.como.it. [md, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: