Giorno: 18 Aprile 2008

Elezioni e nuovo ospedale Sant’Anna i temi del settimo appuntamento con la Piazza virtuale

Cresce l’interesse per la Piazza virtuale organizzata da AltraComo, 53 i partecipanti alla serata di giovedì 17 aprile durante la quale sono stati analizzati i risultati elettorali e si è parlato delle problematiche connesse alla realizzazione del nuovo ospedale Sant’Anna.

La Piazza virtuale è comiciata con qualche minuto di ritardo, protagonista della prima parte della serata è stato Riccardo Lisi, laureato in statistica, che ha analizzato per mezzo di tabelle e grafici i risultati delle elezioni.
«Ci sono delle cose sorprendenti – ha esordito Lisi, facendo riferimento ai dati da lui elaborati – Veltroni, ad esempio, ha guadagnato circa un milione e mezzo di voti rispetto al 2006, lo stesso dicasi di Berlusconi. Sono i fenomeni di cannibalizzazione degli altri partiti che in buona parte hanno funzionato. Se si considerano i voti relativi al Senato, in termini di voti veri e non di percentuali, Veltroni è salito di un milione e seicento mila e Berlusconi di un milione e seicentotrentuno mila». Lisi ha chiarito che i dati sono complicati da ricavare perché il nostro sistema elettorale «è come il vestito di Arlecchino», bisogna sommare al totale dell’Italia i dati relativi alla Val d’Aosta e al Trentino Alto Adige, che hanno sistemi basati sulle «beneamate preferenze» e i seggi all’estero, di prevalenza del centrosinistra.
«Queste elezioni hanno mostrato che l’Italia ha ormai, come del resto già avveniva in Lombardia, un elettorato poco fedele, molto fluido, tranne con un partito, il cui leader è mitizzato dai suoi, la Lega appunto. I partiti sono strutture rigide per natura, ma nelle schede forse proprio la Lega è l’unico simbolo costante». Alcuni partecipanti alla chat hanno fatto notare a Lisi che anche il «fattore Grillo» ha avuto la sua importanza «ha fatto presa su una parte dell’elettorato della Sinistra l’Arcobaleno inducendolo all’astensione». Lisi si è trovato d’accordo con questa considerazione e ha aggiunto che le proposte di Grillo hanno convinto soprattutto gli elettori di sinistra perché più autocritici e che un altro aspetto da non sottovalutare è stato il ruolo dei media e degli opinion leader che hanno spinto verso un sistema di tipo americano.
Il problema principale è il sistema di voto – ha continuato Lisi – che in Italia prevede sia il premio di maggioranza che alte soglie di ingresso. «Una certa carenza matematica c’è sempre stata tra i politici e in genere tra i cittadini italiani – ha sottolineato il relatore – ma stavolta davvero si è giocato senza badare alle regole, che sono strane ed eterogenee. È come se una partita di calcio avesse regole differenti se si svolge ad Aosta o se due squadre italiane giocano in Germania. Le regole sono uguali per tutti, io sono contro il maggioritario da sempre, mi sembra poco democratico». Dopo varie riflessioni dei partecipanti alla chat sul possibile futuro della Sinistra l’Arcobaleno, gli organizzatori hanno chiuso la prima parte della serata ringraziando Riccardo Lisi per la disponibilità.
Antonio Muscolino di Medicina democratica, è stato invitato per illustrare le problematiche connesse alla realizzazione del nuovo ospedale Sant’Anna, che sta per sorgere fuori dalla città di Como. Muscolino ha spiegato che i fondi per la costruzione della struttura si stanno reperendo tramite un sistema di project financing, che prevede il coinvolgimento di soggetti privati, in questo caso una cordata guidata da Pirelli real estate, nella realizzazione, nella gestione e soprattutto nell’accollo totale o parziale dei costi di questa opera in vista di guadagni futuri. «Ovviamente Pirelli e Telecom non lo fanno per il loro buon cuore – ha sottolineato Muscolino – e neanche per migliorare le condizioni sanitarie della provincia di Como. La cordata avrà in gestione tutti i servizi cosiddetti no-core, non strettamente sanitari, per 25 anni e 8 mesi».

Questa esternalizzazione, controllata dalla cordata – ha continuato il relatore – metterà a rischio i posti di lavoro di 118 lavoratori e di 108 ausiliari che prestano oggi servizio al Sant’Anna e avrà notevoli conseguenze sul futuro della sanità a Como. «Si lascerà “campo libero” in città – ha continuato Muscolino – all’ospedale Valduce e il Sant’Anna sarà ancora più spinto ad entrare in concorrenza con le altre strutture regionali, dimenticandosi ancora di più dei bisogni sanitari del territorio».
Durante le varie fasi del progetto – ha spiegato il relatore – non sono stati mai coinvolti né i dipendenti, né la popolazione, né tanto meno le organizzazioni sindacali, nonostante le continue richieste. «In questi anni sono state organizzate manifestazioni, scritti documenti e un “libro bianco”, – ha concluso Muscolino – ma il tutto è stato sopito poiché troppo “politico”. Credo sia opportuno invece cercare di “uscire dall’ospedale”. All’interno vige un forte corporativismo, per cui le professionalità non toccate difficilmente si mobiliteranno per le altre figure e cercare un coinvolgimento della società civile e credo che questa Piazza virtuale sia una buona occasione per far conoscere queste problematiche». [Greta Pini, ecoinformazioni]

“Diamo gambe ai nostri sogni”

Il 5×1000 donato all’Arci per sostenere chi ogni giorno si batte per i diritti, la Pace e la cultura contro ogni discriminazione.

Donare il 5×1000 all’Arci significa sostenere un’associazione che con i suoi circoli promuove giornalmente la socialità e lo svago, la formazione e la cultura per uso intelligente e creativo del tempo libero. Ogni giorno gli uomini e le donne dell’Arci fanno qualcosa di concreto per rendere migliori le nostre comunità, battendosi per la Pace ed i diritti contro ogni discriminazione.
Donare il 5×1000 non costa nulla, dato che il contributo viene prelevato dall’Irpef. Per devolverlo all’Arci è sufficiente inserire il codice fiscale dell’associazione 97054400581 nella sezione del Cud, del 730 e del modello Unico dedicata al “Sostegno del volontariato”. E metterci la firma.

Il 5×1000 per i paesi in via di sviluppo

Sostenendo con la donazione l’Ovci La nostra Famiglia si può contribuire concretamente ai progetti in Sudan, Marocco, Ecuador, Cina e Brasile a favore dei bambini disabili.

Anche quest’anno l’Ovci La Nostra Famiglia rinnova l’appello a donare il 5×1000 per i progetti che da 25 anni svolge nei paesi in via di sviluppo. L’associazione di volontariato opera in Sudan, Marocco, Ecuador, Cina e Brasile a favore dei bambini disabili, attraverso progetti mirati allo sviluppo delle popolazioni locali.
Donare il 5×1000 non costa nulla, dato che il contributo viene prelevato dall’Irpef. Per devolverlo all’Ovci è sufficiente inserire il codice fiscale dell’associazione 91001170132 nella sezione del Cud, del 730 e del modello Unico dedicata al “Sostegno del volontariato”. E metterci la firma.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: