Il capoluogo lariano aderisce al Gai

Il Comune di Como cerca di allargare le proprie prospettive aderendo alla rete nazionale ed internazionale dei Giovani artisti italiani

L’associazione Gai, nata nel 1989, «è composta da 39 amministrazioni locali, tra cui Milano, Bologna, Firenze, Roma, Torino, Venezia, con lo scopo di sostenere la creatività giovanile nell’ambito dell’arte contemporanea».

L’obiettivo dei Giovani artisti italiani è di «di documentare l’attività, offrire servizi, organizzare opportunità formative e promozionali a favore dei giovani artisti che operano nel campo della creatività e delle arti visive. Questo, principalmente attraverso iniziative permanenti o temporanee che favoriscono la circolazione di informazioni e di eventi, sia a livello nazionale che internazionale, incentivando il rapporto tra la produzione artistica giovanile e il mercato».

Palazzo Cernezzi ha aderito per inserire «in un più ampio e qualificato circuito nazionale e internazionale il concorso d’arte Co.Co.Co. Como Contemporary Contest ideato dall’assessorato alla Cultura e quest’anno alla terza edizione».

Inoltre la speranza dell’Amministrazione è «di partecipare ad una serie di interessanti iniziative nazionali e internazionali finalizzate alla promozione e alla valorizzazione dei giovani artisti comaschi, come concorsi, programmi di mobilità degli artisti nel mondo, mostre itineranti, attività di formazione e di network».

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: