Una mozione alla Camera sui frontalieri

Per «portare nell’Aula parlamentare il dibattito sulle difficoltà dei rapporti diplomatici e politici tra Italia e la Svizzera che negli ultimi mesi hanno condotto a pesanti attacchi nei confronti dei frontalieri italiani occupati nella fascia di confine in territorio elvetico» dice la deputata comasca del Pd Chiara Braga

 L’obiettivo è di «tutelare i 55 mila lavoratori frontalieri italiani impiegati in Svizzera, che per la nostra Provincia continuano a rappresentare un pezzo importante dell’occupazione» afferma la Braga. Per questo è necessario «che si attivino i canali diplomatici bloccati da mesi e che le forze politiche di Governo si assumano le responsabilità che a loro competono».

«Addosso ai lavoratori frontalieri – spiega la deputata comasca – sono piovute accuse e pressioni di ogni genere, dalla minaccia discriminante di non aumentare le loro retribuzioni come avviene per i cittadini elvetici, fino agli insulti subiti da una campagna propagandistica denigratoria che li accusa di rubare il lavoro ai cittadini svizzeri».

«E ancora, è notizia di pochi giorni fa la ripresentazione da parte della Lega dei Ticinesi di una mozione per bloccare il versamento dei ristorni ai Comuni e alle Province di frontiera – prosegue la firmatari, con altri deputati del Pd, della mozione depositata il 20 aprile scorso – Tutte tensioni che vengono scaricate sulle spalle dei lavoratori frontalieri pur avendo cause prettamente politiche e fiscali che quindi chiamano in causa il Governo Italiano, in primis il Ministro delle finanze Giulio Tremonti, finora molto distratto sull’argomento».

1 thought on “Una mozione alla Camera sui frontalieri

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: