Paratie: «Entro fine mese si riparte» assicura Bruni

Nonostante le dimissioni di uno dei commissari straordinari e la cassa integrazione per i dipendenti della Sacaim il primo cittadino comasco garantisce: «Abbiamo ricevuto ampie rassicurazioni in merito alla piena volontà di concludere i lavori»

 «Ho incontrato ieri [mercoledì 2 novembre] a Venezia, insieme all’avvocato Nunzio Fabiano, i commissari straordinari di Sacaim, gli unici soggetti oggi abilitati ad assumere tutte le decisioni riguardanti le attività dell’azienda, in amministrazione straordinaria dallo scorso mese di agosto – spiega il sindaco di Como Stefano Bruni in una nota –. L’incontro si è svolto in un clima assolutamente positivo e di massima collaborazione e abbiamo ricevuto ampie rassicurazioni in merito alla piena volontà di concludere i lavori e pertanto ogni ipotesi di abbandono del cantiere del lungolago è da escludere. I tecnici di Sacaim stanno ora ultimando le valutazioni sulla perizia di variante e al più presto – entro fine mese – il cantiere potrà ripartire».

«Quanto alle dimissioni dell’avvocato veneziano Marco Cappelletto, uno dei tre commissari straordinari indicati dal Ministero dello Sviluppo Economico (insieme all’avvocato penalista Giuseppe Benedetto e all’avvocato Angela Vecchione, entrambi di Roma, ndr) – prosegue il primo cittadino –, la sua decisione non pregiudica in alcun modo l’attività degli altri due commissari e tanto meno dell’azienda. Non avrà alcun effetto sul cantiere del lungolago neppure la procedura avviata per chiedere la cassa integrazione degli operai dipendenti della Sacaim. Le maestranze impegnate a Como, infatti, riprenderanno quanto prima a lavorare. E il cantiere delle paratie verrà concluso».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: