L’assessora Gerosa contro lo sciopero dei trasporti

daniela gerosaSu twitter l’assessora alla Mobilità e ai Trasporti della Giunta, di centrosinistra, Lucini esterna il suo pensiero il 22 marzo, giornata di sciopero del trasporto pubblico locale: «Sarà, ma a me questi scioperi di venerdì mi puzzano alquanto». In serata la rettifica, parziale.

Dimostrando ignoranza nei confronti del lavoro degli operatori dei trasporti, che si svolge sette giorni su sette, con una diminuzione delle corse solo domenicale, trascurando che al centro della protesta c’è il rinnovo di un contratto scaduto a fine 2007, Daniela Gerosa sembra ipotizzare che la scelta del giorno, prefestivo per altre categorie, sia strumentale. In serata una parziale rettifica: «Nessuna mancanza di rispetto per i sindacati, ma quando uno sta dalla parte del #tpl un po’ gli dispiace che i cittadini debbano subire, no?». Tale lettura del conflitto sindacale pone da una parte i cittadini, dall’altra i sindacati. Nella realtà esistono anche le aziende. Non è vero che i nemici dei cittadini sono i sindacati e per i lavoratori dei trasporti non può esserci diritto di sciopero, tra l’altro già limitato dalle fasce di garanzia, altrimenti “subiscono” i cittadini”. E i 110mila che non vedono rinnovato il proprio contratto? E le aziende? Beh, le aziende. Viviamo nel mercato libero e per restarci bisogna guadagnare, anche sulla pelle dei lavoratori. Guarda che novità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: