Comunicazione integrata, al servizio degli stranieri

e87a75cc6632Un servizio informativo multilingua, un forum di assistenza legale gratuita e una rubrica radiofonica. Sono alcuni dei passaggi contenuti nel progetto Comunicazione integrata, portato avanti da Arcoiris, centro culturale promosso dalla cooperativa Questa generazione e Acli, insieme ad Acli Colf, Ghana Nationals, Centro culturale islamico Milligorus e Moldova Doina

Leggere i bisogni del territorio e trasformarli in azione politica. Il che, spesso significa, intervenire in aiuto dei più deboli e bisognosi. Per questo le Acli da vent’anni e più si occupano dei problemi legati all’immigrazione. Risale al 1985 il primo report sulla presenza di stranieri a Como, «marginale ma già significativa», spiega Luisa Seveso, presidente dell’associazione. «Conoscere le affinità e superare le difficoltà assieme a chi già opera sul territorio, così si crea integrazione. Partendo dai bisogni e dall’informazione». Il centro culturale Arcoiris, unico nella provincia di Como, nasce appunto con l’intento di essere uno spazio organizzato per il dialogo e il confronto interculturale, un centro di documentazione e di supporto ai cittadini e ai servizi.

Sul solco di quanto già tracciato in questi anni si inserisce il progetto Comunicazione integrata, promosso da Acli Colf, Ghana Nationals, Centro culturale islamico Milligorus e Moldova Doina e cofinanziato dal Ministero degli Interni e dal Fondo europeo per l’integrazione.Obbiettivo: l’informazione e la conoscenza dei contenuti relativi all’Accordo di integrazione e le sue modalità attuative. Dall’anno scorso infatti chi arriva in Italia e ha più di sedici anni deve firmare presso lo sportello unico per l’immigrazione una sorta di “patto”: lo Stato si impegna a sostenere il processo d’integrazione, viceversa lo straniero si prefissa di raggiungere specifici obiettivi. Ciò comporta, ad esempio, seguire un corso gratuito di educazione civica.
«Il primo step è stata l’apertura in gennaio presso il patronato Acli di un multilanguage point gratuito – spiega Francesca Santambrogio, referente del progetto – sono disponibili informazioni in 10 lingue. Abbiamo coinvolto le associazioni di stranieri madrelingua che già operavano sul territorio». Il secondo punto riguarda la creazione di un forum di consulenza legale gratuita online, consultabile dal sito della cooperativa Questa generazione: «è utilizzato parecchio dagli studenti universitari. Molti lo guardano prima di venire in Italia, così da sapere subito come muoversi». Il terzo intervento consiste nella creazione di una rubrica radiofonica, in collaborazione con l’emittente Ciao Como: « 15 puntate, con cadenza settimanale, ideate e condotte con le associazioni di immigrati. I contenuti varieranno dalle informazioni di servizio agli appuntamenti disseminati sul territorio», racconta Santambrogio.

L’attenzione non si fermerà solo all’Accordo di integrazione ma riguarderà anche gli altri aspetti connessi al mondo dell’immigrazione, tra cui ad esempio il ricongiungimento famigliare: «così i nostri connazionali sanno dove andare se vogliono ottenere risposte chiare e precise ai dubbi che li assillano» spiegano Parascovia ruso e Hazel Ephrim delle associazioni Moldavadonia Ghana National association.
Comunicazione integrata, progetto firmato il 15 ottobre 2012, è stata pensato e costruito per proseguire oltre: « la data ufficiale di chiusura è il 30 giugno – conclude Francesca Santambrogio – ma il nostro lavoro non terminerà di certo quel giorno». I contatti: Centro culturale Arcoiris:  031 3312730;  arcoiris@aclicomo.it. Guarda il forum di consulenza legale gratuita [Andrea Quadroni, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: