Nuovi studi per il carro della Ca’ Morta

SAM_2973Una squadra di archeologi del Cnrs francese sarà per una settimana al Museo Giovio per esaminare e fotografare il reperto

«Gli studiosi francesi sono tornati al Museo archeologico Paolo Giovio per approfondire i propri studi sul cosiddetto carro della Ca’ Morta. Dopo la visita dello scorso ottobre, in questi giorni, infatti, l’équipe del professor Bruno Chaume, direttore del programma internazionale Vix et son Environnement e incaricato del Cnrs francese (Centre national de la recherche scientifique), è tornata a bussare alle porte dei Musei Civici di Como – dichiara una nota di Palazzo Cernezzi –. Il carro della Ca’ Morta, ritrovato a Lazzago nel 1928, è uno dei reperti più significativi risalenti all’Età del Ferro, il tema attorno a cui ruota la parte più rilevante dell’esposizione museale cittadina».

«Il carro della Ca’ Morta, così chiamato perché rinvenuto nell’omonima necropoli, era presumibilmente un carro da parata, realizzato con una ricca decorazione in lamine di bronzo, a quattro ruote con cerchioni in ferro, rinvenuto in una tomba datata dagli studiosi al 500 circa avanti Cristo – conclude lo scritto –. Visto l’oggetto e gli altri elementi raccolti, la tomba, che purtroppo non fu scavata in modo scientifico, doveva accogliere i resti di un personaggio di grande importanza, quasi sicuramente una donna. Il carro presenta straordinarie somiglianze con un altro carro rinvenuto nella sepoltura della cosiddetta Principessa di Vix, in Borgogna (Francia), da qui l’interesse degli studiosi francesi». [md – ecoinformazioni]

2 thoughts on “Nuovi studi per il carro della Ca’ Morta

  1. E’ quello che dico da sempre troppe distrazioni inutili…..

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: