Pelle di Donna

pelle di donna

Pelle di Donna, l’ultimo libro di Alina Rizzi  presentato a Como dall’Associazione Tessere la Rete. La Drogheria di via Diaz a Como piena di donne, tra cui la vice-sindaca della città Silvia Magni, e qualche uomo per la presentazione dell’ultima opera letteraria di Alina Rizzi Pelle di Donna [ Bonfirraro Editore, euro 13,90].

La scrittrice, nata a Erba, valorizza e concede voce all’universo femminile: Suoi romanzi: Amare Leon  che ha ispirato Tinto Brass per il film Monamour, Donne di cuore, Scrivimi d’amore. Sue raccolte di racconti: Bambino mio, Quello che le madri non dicono. Raccolte poetiche e antologie, l’ultima americana La dolce vita [Running press].

In Pelle di Donna Alina Rizzi raccoglie storie di ordinaria sopravvivenza femminile, donne vittime di femminicidio e violenze d’ogni tipo. La giornalista Ida Paola Sozzani – che fu nella redazione di Geniodonna, mensile transfrontaliero Italia-Svizzera  – ha ricordato che nel 2015, fino al 14 giugno, sono stati conteggiati 73 ginecidi, uno ogni 54 ore, anche se in Europa non siamo più all’anno zero sulla questione della violenza alle donne e disponiamo di strumenti normativi e di tutela.

Le storie narrate da Alina Rizzi sono autentiche e documentate, si tratta delle dirette testimonianze delle protagoniste, donne tra le tante che hanno vissuto coercizioni, esclusioni, violenze fisiche e psicologiche, fenomeni perpetrati da uomini, spesso mariti e fidanzati,  compagni di vita.

Un invito a non dimenticare queste vittime, coloro che sono sopravvissute e stanno uscendo dal buio per trovare, con la giustizia loro dovuta, un po’ di serenità. [Guido Capizzi per ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: