Felice Besostri per il No/ Il nodo della comunicazione

pubblico-circoscrizione-6modGrande attenzione dei tantissimi cittadini e cittadine presenti venerdì 12 febbraio alla Circoscrizione 6 di Como alle difficoltà comunicative della campagna referendaria per il rifiuto delle modifiche costituzionali. Come raggiungere la popolazione e come interessare i diversi pubblici le domande chiave del dibattito, mentre le riserve, legate anche alle diverse identità politiche e alla coesistenza delle stesse, si raccordano attorno al timore della deriva tecnicistica nella divulgazione di temi molto complessi.

Troppa distanza e troppa autoreferenzialità rischiano, secondo i partecipanti, una sala gremita in cui la mancanza di giovani è apparsa preoccupante, di desertificare la campagna allontanando la cittadinanza dalle ragioni del no; la necessità di semplicità e di diversificazione dei linguaggi si configura quindi come indispensabile, fondamentale per raggiungere i diversi pubblici, ma con l’accortezza che il prezzo non possa e non debba essere lo svilimento del concetto, l’impoverimento delle argomentazioni, la parodia di una comunicazione che rappresenta proprio ciò che si cerca di contrastare.

La prima uscita pubblica del Comitato di Como del Coordinamento democrazia costituzionale , con gli interventi di Bruno Saladino e Felice Besostri, ha quindi dato l’avvio a quel processo di fermentazione di idee e opinioni che sostanzierà l’uscita della campagna referendaria dalla sua fase embrionale.

La panoramica generale a cura di Saladino, coordinatore e portavoce del Comitato insieme a Paolo Ceruti e Giovanna Fierro, ha dato avvio all’incontro. In primo luogo un dubbio è stato chiarito: nonostante non sia possibile definire una tempistica certa, l’ipotesi dell’accorpamento dei due referendum, che destava non poche preoccupazioni, è stata definitivamente scartata, vedendo come orizzonte temporale l’autunno 2016 per quello confermativo costituzionale ed eventualmente l’anno successivo per quello abrogativo della legge elettorale.

felice-besostrimodAnche Besostri si è concentrato sulla confutazione di alcuni luoghi comuni, demolendo argomentazioni fallaci legate all’Italicum e alla riforma costituzionale. I falsi miti del risparmio, dell’accelerazione nel processo di approvazione delle leggi e della semplificazione dei rapporti fra camera e senato sono stati presi in esame per descrivere un quadro inquietante di riduzione del potere decisionale del corpo elettorale e di perdita di rappresentanza; una riforma pericolosa, insomma, che della politica non riduce i costi ma i valori, allineando l’Italia non con i paesi più democratici, ma, al contrario, riportandoci nel novero di quelli con un progressivo deficit di democrazia.

Lo svilimento del parlamento e il rafforzamento dell’esecutivo non aumenteranno l’efficienza della macchina legislativa, ma agiranno sull’influenza dell’elettorato su quella stessa macchina, riducendola. Paradossalmente, sottolinea Besostri, il premio di maggioranza previsto dall’Italicum risulta essere in definitiva «tanto più importante quanto più basso è il consenso elettorale», prefigurando il tramonto della repubblica parlamentare figlia della resistenza a favore di un nuovo status quo oligarchico e verticistico.

E se l’immagine simbolo del Comitato è la Costituzione che affonda, «Renzi è il nostro Schettino», commenta Besostri.

Online sul canale di ecoinformazioni i video dell’iniziativa. [Marisa Bacchin, ecoinformazioni]

1 thought on “Felice Besostri per il No/ Il nodo della comunicazione

  1. In tutti i 28 paesi europei non esiste o si è abolito o si sono fortemente differenziate le funzioni del Senato. Quest’ultimo è il caso della riforma Boschi che ricalca quello che già esiste nei maggiori paesi europei: Francia, Germania, Spagna, Austria, Paesi Bassi e altri. Il bicameralismo paritario italiano non esiste più in alcun paese europeo … cosa vogliono questi signori del comitato del NO ? …. bloccare un necessario ammodernamento del Paese in nome della loro guerra ideologica al Governo ?

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: