Giorno: 26 Novembre 2016

Antonio San’Elia/ in mostra l’origine dei suoi progetti

Arrivano all’apice le celebrazioni per il centenario della morte di Antonio Sant’Elia: inaugurata giovedì 24 novembre la mostra alla Triennale di Milano, venerdì 25 è stata la volta di Como, con l’apertura dell’esposizione in Pinacoteca, mentre ai primi giorni di dicembre si terrà a Firenze un convengo internazionale di studi.

La mostra di Como è tutt’altro che una mostra semplicemente celebrativa: invece di limitarsi ad esporre alcuni disegni, si cerca di darne un’interpretazione, per alcuni versi innovativa.

santelia-mostracomo-lr1

 

Infatti, come recita il titolo All’origine del progetto, lo sforzo è quello di provare a individuare il percorso che porta il giovane Sant’Elia, ancora imbevuto di elementi culturali tradizionali (o al massimo modernisti) all’elaborazione di quello che appare come un linguaggio architettonico del tutto nuovo. Per fare questo, i quattro architetti curatori dell’esposizione (Luca Ambrosini, Paolo Brambilla, Davide Adamo, Giulio Sala) hanno selezionato un nucleo di disegni attribuiti al 1913 e li hanno distribuiti in un percorso che procede dalle forme più semplici a quelle più complesse (in un certo senso: dai valori plastici scultorei a quelli architettonici); si può così individuare, secondo i curatori, l’elaborazione dell’architettura di Sant’Elia che condurrà, alla vigilia della prima guerra mondiale in cui l’architetto comasco troverà la morte, alla presentazione della Città Nuova.

La mostra, che pure non scioglie del tutto alcuni problemi metodologici di non poco conto (come stabilire la priorità delle forme semplici rispetto a quelle complesse nel percorso ideativo? come individuare il momento del passaggio dalla pura forma alla funzione architettonica?), ha l’indubbio merito di affrontare una delle figure ritenute centrali nell’evoluzione dell’architettura moderna senza eccessive sudditanze ideologiche, provando a sondare il suo “pensiero” con animo sgombro da preconcetti.

santelia-mostracomo-lr2

 

Insieme ai disegni di Sant’Elia sono presenti nell’esposizione modelli tridimensionali elaborati con stampanti 3D e altri in legno, marmo e alluminio, con l’intento di rendere evidenti i valori spaziali dei disegni. Questi ultimi elementi tridimensionali hanno però un esito contraddittorio: più che favorire la comprensione del linguaggio architettonico delle proposte di Sant’Elia, ne enfatizzano la percezione formale (in sostanza, appaiono come sculture astratte), così che alla fine quello che sembra prevalere è l’approccio formalista, ancora di più sottolineato dai disegni di Mauro Chiesa che accompagnano, come un trait d’union, le tre sale dell’esposizione, e dall’opera di Fabrizio Musa, collocata con rilievo nella prima sala.

Il dubbio è quello che, al di là delle intenzioni, Antonio Sant’Elia sia trattato come “artista” e non come “architetto”.

santelia-mostracomo-lr3

Tutti temi, comunque, che meritano un’attenta considerazione e un approfondito dibattito, che – speriamo – non mancherà nelle prossime manifestazioni santeliane. Già martedì 30 novembre si darà avvio al laboratorio Antonio Sant’Elia. Visione e regola, dedicato al Monumento ai Caduti di Como, tratto da un disegno di Sant’Elia, reinterpretato da Enrico Prampolini e poi tradotto in architettura da Attilio e Giuseppe Terragni. [Fabio Cani, ecoinformazioni]

Campo governativo/ Quattro temi spinosi e tre dubbi

ecoinformazioni-serata-25-11-16-iiiSerata di riflessione il 25 novembre all’oratorio di San Bartolomeo a Como,  proposta da don Christan Bricola, parroco della Comunità pastorale Beato Scalabrini,  insieme ad Alessandro Benati (Croce Rossa Como), Roberto Bernasconi, direttore della Caritas,  Mario Lucini, sindaco di Como. Assente il vice Prefetto Conforto Galli. (altro…)

26 novembre/ #iodecidodivincerla: in corsa contro la violenza sulle donne

download-1

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne (anzi: un giorno più tardi), sabato 26 novembre, Cgil Como invita tutte e tutti a prendere parte a Run in red, una corsa-camminata non competitiva che partirà da piazza Verdi alle 14.30 procedendo fino a villa Olmo e ritorno (orario di conclusione previsto: 17).
L’evento è ovviamente aperto a tutti, donne e uomini di ogni età. Associata allo hashtag #iodecidodivincerla, la corsa è intesa come momento di condivisione e di attenzione nei confronti di un fenomeno complesso, diffuso, e ancora troppo spesso taciuto per timore o connivenza: la violenza nei confronti delle donne. Se queste ultime sono certamente le prime vittime, è altrettanto vero che il fenomeno, così come la reazione a esso, coinvolge ognuno di noi.  E con lo sdoganamento di fatto del linguaggio misogino (e razzista) del neo-eletto presidente degli Stati Uniti, faremmo meglio a non abbassare la guardia.

“Io sono forte, libera, rompo il silenzio. Corriamo insieme per dire no alla violenza”.

26 novembre/ Vergine giurata per Oltre lo sguardo a Como-Rebbio

la-vergine-giurataSabato 26 novembre, nella sezione Donne, alla Sala Associazioni Lissi,  in via Ennodio 10 a Como-Rebbio, per la rassegna Oltre lo sguardo, organizzata dal Cinecircolo del Coordinamento comasco per la Pace, sarà proiettato alle 21 il film  Vergine giurata con alba Rohwacher Lars Lars Eidinger Flonja Kodheli Girato tra l’Albania e Bolzano, il film è liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Elvira Dones (Feltrinelli 2007), e racconta la storia di Hana, una bambina che cresce sulle montagne albanesi, dove vige una cultura arcaica. (altro…)

26 novembre/ L’ultimo lupo per Oltre lo sguardo a Cadorago

lultimo-lupoSabato 26 novembre, nella sezione Mondi Possibili, all’Auditorium in via Manzoni 26 a Cadorago per la rassegna Oltre lo sguardo, organizzata dal Cinecircolo del Coordinamento comasco per la Pace, sarà proiettato alle 21 il film L’ultimo lupo avventuroso (Cina– 2015– 121 min) di: Jean-Jacques Annaud con: Shaofeng Feng, Shawn Dou, Shwaun Dou, Ankhnyam Ragchaa Chen Zhen giovane studente nella Cina della ‘rivoluzione culturale’, è trasferito in Mongolia da Pechino per educare una comunità di pastori nomadi. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: