Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 347.3674825, ecoinformazionicomo@gmail.com

Arci Lombardia/ No all’autonomia differenziata

Arci Lombardia unanime contro “l’autonomia differenziata” che alcune regioni hanno avanzato. La presa di posizione del presidente Massimo Cortesi, approvata dal Consiglio regionale dell’Arci. «Il percorso per l’autonomia differenziata, a nostro parere, prefigura una trasformazione radicale del paese e rischia di ampliare le già gravi diseguaglianze sociali oggi esistenti.

Non è pensabile affrontare questa situazione squilibrata dando più poteri e più risorse ad alcune Regioni senza aver creato una cornice normativa che garantisca stessi diritti ai cittadini e alle cittadine italiane a partire da fisco, istruzione, sanità, lavoro, ambiente, energia, materie fin ad oggi concorrenti fra Stato centrale e Regioni, sulle quali la Lombardia ed altre Regioni avrebbero piena sovranità.

Il percorso contrasta, inoltre, con i principi della Carta Costituzionale. La Costituzione prevede, infatti, che lo Stato abbia l’onere della “determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale”, che sia mantenuta “la tutela dell’unità giuridica o dell’unità economica e in particolare la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali”, che sia lo Stato che “promuove coesione […] solidarietà sociale”.

Pensiamo sia urgente avere un quadro complessivo delle disparità oggi esistenti, a scapito dei cittadini, fra Regioni e Regioni, definire e garantire in tutto il territorio nazionale, nei diversi campi, i livelli essenziali di prestazione (LEP).

Infine riteniamo che ogni scelta dovrebbe avere il consenso di tutte le Regioni e di tutti i Comuni, evitando che le aree più fragili del nostro Paese siano messe ancor più in difficoltà.

In particolare chiediamo che il diritto costituzionale all’istruzione sia garantito ed esercitato in maniera eguale su tutto il territorio italiano. La sua regionalizzazione rappresenterebbe la fine dell’eguale diritto di apprendimento e la fine della coesione sociale e dell’unità culturale del Paese.

Il quadro che si viene delineando avrebbe una grave ricaduta sugli abitanti delle regione del Sud, oltre a determinare un incremento della privatizzazione dei servizi.

Esprimiamo, pertanto, le nostre ragioni di contrarietà a questa “autonomia differenziata” e chiediamo un impegno a tutela dell’universalità dei diritti in un quadro di solidarietà nazionale». [Massimo Cortesi, presidente Arci Lombardia]

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 Marzo 2019 da in Senza Categoria con tag .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

COOKIES/ Informativa per i lettori

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei social plugin. Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione anche semplicemente scrollando si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca sull'immagine per leggere l'informativa sui cookies.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: